Peso MTB: quanto incide?

Peso MTB con apposito strumento

Nell’articolo della settimana scorsa http://www.mtbpassione.com/tecnica-e-novita/29-un-anno-dopo ho avuto modo di leggere tra le righe molti commenti riguardo al peso delle biciclette.

Certo, più leggerà é la MTB e meglio é.

Ma é proprio vera questa convinzione? Ho amici biker che mai pedalerebbero un Enduro da 180 sotto i 14 Kg.

Case come Specialized, Cannondale e Giant non mettono il valore del peso delle loro MTB tra le caratteristiche tecniche….come mai?

La seguente domanda mi ha tormentato tutta la settimana.

Peso della bicicletta: quanto incide in MTB

La risposta corretta “dovrebbe” essere: dipende.

In una MTB da XC o Marathon il peso é sicuramente più influente che su una All Mountain o Downhill per il semplice fatto che nel primo caso é una caratteristica fondamentale mentre nel secondo caso é una caratteristica “importante”.

Tuttavia anche i kilogrammi in una All Mountain si sentono.

Pedalare un 12Kg non é come pedalare un 14Kg.

Ma pedalare un 12 Kg o un 10 Kg é quasi equivalente.

Si sente ma la differenza non é travolgente.

Lo stesso vale verso l’alto.

Se pedali bene un 14Kg puoi pedalare bene anche un 16Kg.

E allora dove sta la differenza?

Ho fatto delle ricerche su Internet in merito perché sono un semplice appassionato e non un ingegnere progettista di MTB.

Ho trovato questo articolo in Inglese http://www.dreambike.com/weight.htm che ho trovato molto interessante.

Il concetto che ho trovato più interessate é il seguente

The most important factor when considering mountain bike components is rider to bike weight ratio.

Traduzione:

Il fattore più importante quando consideri i componenti per MTB é il rapporto tra rider e bicicletta.

In pratica il peso di una MTB non é un elemento a se stante ma va valutato in funzione del peso di chi pedala la bicicletta.

Riflettiamoci un attimo.

Se il telaio di una MTB va calibrato in funzione della statura del biker perché non dovrebbe essere fatta questa valutazione anche per il peso?

Secondo l’articolo che ti ho consigliato si capisce che il peso della MTB ideale dovrebbe essere.

Dal 13 al 15% per una MTB Racing (XC, Marathon)

Dal 15% al 18% per una MTB Escursionistica (All Mountain, Enduro)

Esempio pratico.

Se peso 75 Kg e voglio dedicarmi alle corse una MTB sotto gli 11 Kg può andare bene (75Kg x 15% = 11,25 Kg)

Se peso 75 Kg e voglio scorrazzare tra le montagne con una MTB full sui 13 Kg può andare benissimo (75 Kg x 18% = 13,5).

Cosa ne pensi di questo articolo?

Pensi siano corretti i dati che ho estratto o che la regola della bicletta leggera valga sempre?

I tuoi commenti sono preziosi.

Scrivili! Ciao e Grazie

The following two tabs change content below.
Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre 15 anni. Sono papà, marito e manager e quindi il mio approccio MTB è di tipo scientifico perché mi trovo sempre nella difficoltà di coniugare la passione per la bici con gli impegni lavorativi e la famiglia.

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

66 commenti
  1. daniele
    daniele dice:

    bici pesante in piste con tanta discesa, bici leggera per salite, mica chi fa gare usa una bici, un solo modello di forcella, cambio,ecc 😂😂😂. per chi supera i 50 consiglio la leggera, per i piu giovani la pesante. mal di schiena? sellino indietro sella o manubrio da modificare, le gamme ti fanno male? sellino in avanti ( i due bulloni sotto la sella). per avere la bici giusta ci sono tanti fattori da considerare, piu che il peso contano le misure la regolazione che in pochi sanno fare, molti prof non buttano 5000euro per una bici fatta per tutti ne buttano 1000 per un telaio fatto su misura( non in ita). tanti guardano solo il cavallo senza pensare al resto, andranno sempre male.

    Rispondi
    • Mariano
      Mariano dice:

      Io ho iniziato da poco ad andare in Mtb, usando la bici come” scarico” del running.
      Uso un vecchio cancello del ’94 senza sospensioni ( all’epoca pagata 270 dollari americani), l’ho leggermente aggiornata con una nuova serie sterzo e vbrakes e vi assicuro che mi diverto da matti. Prevalentemente sentieri non troppo impegnativi ma comunque sui 50 km a seduta.
      Certo è che non si può pretendere chissà cosa dal mio mezzo MA, come diceva qualcuno, ha senso (per taluni) spendere migliaia di euro per un mezzo ultraleggero e poi essere palesemente in sovrappeso? Io non ho la minima idea di quanto possa pesare la mia bici ma riesco a lasciarmi dietro tanti ciclisti extra large con bici da migliaia di euro…

      Rispondi
  2. Thomas "BadBoyBerna"
    Thomas "BadBoyBerna" dice:

    Secondo me dipende moltissimo da cosa si vuol fare con la mtb. Io sono un ex motocrossista e con qualche esperienza di DH. Mi sono sempre occupato diella manutenzione della mia moto anche quando facevo gare livello amatoriale, lo stesso dicasi per la mbike. Tutt’ora utilizzo una Cannondale Prophet 1000 2 x 140 di escursione (del 2006!!!!), bici di 14.5kg. Mai avuto problemi, mai dovuto fare riparazioni/manutenzioni straordinarie. Se voglio un mezzo che mi dia poco/nulla da pensare quel kg o due in più é da tenere in considerazione, se invece si predilige l’aspetto “racing” i kg in meno saranno per contro “compensati” con maggiori necessità di cura/manutenzione. Altra questione il peso ruote-gomme. Io giro prevalentemente in alta Capriasca, fondo sassoso scassato, uso ancora camere d’aria rinforzate con la striscia protettiva in kevlar, ovviamente il tutto pesa qualcosina…ma negli ultimi 3 anni (tocca ferro) non ho mai dovuto fermarmi per una foratura, anche nei terreni spinosi. In conclusione, sempre secondo me, se si vuole pedalare sempre, ovunque, comunque, su qualsiasi terreno, in qualsiasi circostanza…i kg, in più, sono una “necessità”… oltre alla questione economica ovviamente… Ruote grasse a tutti…

    Rispondi
  3. Giuseppe Castelli
    Giuseppe Castelli dice:

    Ciao ragazzi
    …. vorrei acquistare una shockblaze r9 team 27.5 dal peso di 11.300 kg… mi hanno consigliato una L visto che sono alto 1.82 e peso 80 kg… ed ho un cavallo di 86 cm… ho fatto un po di gare amatoriali 15 anni fa con una cannondale, poi la famiglia ha preso il sopravvento… adesso ho un po di tempo libero e vorrei ricominciare… che cosa mi consigliate??? Che ne pensate della shockblaze?
    Grazie un saluto
    Giuseppe Castelli

    Rispondi
  4. neofita
    neofita dice:

    scusate ma il fatto di spendere 2/3/5000 euro per una bicicletta (o non so quanto, per chi non fa sport agonistico si intende) piuttosto che da poche centinaio di euro e di conseguenza solitamente con maggior peso è cosi realmente importante o conta il fatto di per se di fare sport e tenersi in forma?

    o forse tutto questi complessi su peso della bicicletta etc sono da ricondursi(per taluni, ovviamente non per tutti) un pò troppo al potersi vantare di avere la bicicletta piu bella con l’amico o fare il tempo migliore sulle applicazioni che registano i percorsi/tracciati?

    non è meglio avere una bici (sempre se non si fa agonismo) meno “figa” passatemi il termine, ma seppure piu pesante che si possa ripercuotere forse anche in una migliore curva di miglioramento delle performance(soprattutto in salita mi verrebbe da dire) basate su uno “strumento di sofferenza/piacere” meno sofisticato(ovviamente sempre solida e che non ti si spacchi sotto il sedere )?
    spero di non offendere nessuno… il mio punto di vista da neofita(che magari non può capire certe cose) è ben diverso..

    io pedalo pochi km 2-3 volte a settimana da pochi mesi con una mountain bike veramente low cost da supermercato(ma comunque con freno a disco anteriore e front suspended) ma solo per ridare un certo tono alle gambe che non lavorano abbastanza pesantemente con sport del genere da diversi anni e non vedo proprio,almeno per il momento, la necessita di avere una bici in lega di non so cosa(poi mi sembra di capire leggendo su qualche forum che si spacchino piu facilmente con quello che ne consegue…) .

    certo quando pedalo su strada e mi sorpassano in scioltezza , mi viene vagamente il dubbio(e un eufemismo) che per una biciclettina da corsa (sempre low cost ovviamente, come quelle che vendono in quel famoso negozio multisport…) quanto prima potrei farci un pensierino… ma forse vado fuori tema con quanto discusso su questo sito.

    qualcuno mi può aiutare a capire i reali benefici di queste biciclette MTB superleggere?

    Rispondi
  5. Andy
    Andy dice:

    2 atleti della stessa altezza utilizzano la stessa taglia di mt B ma lle varie espressioni di forza dalla massimale alla resistente possono essere molto diverse.ci sono valori di forza che possono differire anche di 1/3.e evidente che l atleta più forte sopporta la bici più pesante rispetto al meno forte

    Rispondi
  6. Martino Coppelli
    Martino Coppelli dice:

    Ero intenzionato ad acquistare un'mtb professionale poi mi sono imbattuto in questo post, davvero approfondito. Le versioni da 14kg sono abbastanza resistenti? Oppure per essere così leggere sono fragili? Ho visto su UpSport che come misura intermedia delle ruote potrei partire con una 26 pollici, secondo voi è un'ottima soluzione per un principiante? Grazie per i consigli!

    Rispondi
    • Giovanni Petrolla
      Giovanni Petrolla dice:

      Ti consiglio se non sei molto alto una full 27,5 am da circa 12,5kg in giro le trovi a meno di 2000euro con forcella reba da 120mm dietro 100mm il cambio un xt o gx monocorona ovale da 32denti pacco pignone 10×42 ti assicuro che se sei allenato diventerai l’incubo del gruppo andrai una bomba giù e salirai con le top xc da 5000euro prova mi darai ragione ormai le misure per u a full spinta sono queste come aziende ti consiglio cube ktm haibike canyon

      Rispondi
  7. Riccardo
    Riccardo dice:

    Ho letto un po’, poi ho preferito smettere e mettermi a scrivere.
    Mi sono chiesto: perché io che vado con la mtb della Decatlon, che non so neanche quanto pesa, sono arrivato in piena montagna, senza neanche un sentiero, dove altri con la bici in carbonio hanno rinunciato e sono tornati indietro?
    Il peso, a mio avviso, ha importanza in competizione, non nell’ utilizzo fuori dalle gare, dove si guarda ciò che in realtà non ci serve. Avere 2 kg in meno su telaio, e magari non avere la bici assettata per bene, implica solo un’enorme spesa di cui possiamo fare a meno.
    Grazie Michele per alcuni preziosi consigli.

    Rispondi
    • Vittorio Vallero
      Vittorio Vallero dice:

      Buongiorno a tutti. Sono d'accordo con te. Io non faccio competizione, sono risalito in sella a 52 anni dopo una sosta forzata di 4 anni e 10 kg in più . Chi fa agonismo deve alleggerire il più possibile ma chi come me pedala per passione (tanta…forse troppa) deve trovare il giusto compromesso. E poi bisogna avere la "gamba" sennò non vai da nessuna parte…ma sopratutto: divertitevi perché la bici è divertimento. Vedo troppa gente che dipende dal computerino…

      un saluto a tutti è un complimento a Michele per il lavoro che sta svolgendo

      Rispondi
      • Aldo
        Aldo dice:

        Vittorio, hai azzeccato in pieno il concetto!!
        Se si pedala per passione, cio’ che conta e’ riuscire a divertirsi conoscendo i propri limiti senza mai superarli; o almeno allenarsi a dovere per cercare di migliorarli.
        Il computerino, il sensore di cadenza , la fascia cardio sono tutti accessori utilissimi,questo e’ fuori discussione….ma puoi avere anche una mtb da 8 kg , ..ma se manca la gamba..bheee eheheh allora tanto valeeeee.
        Il mio amico Maurino potrebbe avere anche una cancellata da 14 kg da portarsi dietro…ma sale ugualmente….

        Rispondi
      • riccardo
        riccardo dice:

        Bravo, Vittorio, la bici è vita, sopra ogni cosa! Io ho realizzato cose importanti con una mtb da supermercato che ho alleggerito il più possibile. Fondamentale è riempirsi gli occhi della bellezza che circonda il ciclista nei sentieri come su strada (ma nei posti giusti).

        Rispondi
  8. Adolfo
    Adolfo dice:

    il peso della mtb è importante per chi fa gare mentre per chi come me piace poter andare per sentieri e sterrati di montagna è da prediligere un mezzo magari con qualche kilo in più ma che faccia della robustezza e affidabilità la sua carta vincente.
    poosseggo due mtb una di circa 11,5 kili (marin team edition del 2004 tutta xtr con la forca sidi sl e ruote crossmax ) e una sui 12.5 e mezzo (cube ltd )
    ebbene c’è solo un kilo di differenza ma lo sento eccome pero questa differenza viene annullata dal confort che mi da la cube.
    insomma si ad un peso contenuto ma non a discapito della longevità della mtb e delle uscite in sicurezza

    Rispondi
  9. maurilio
    maurilio dice:

    M x g x H
    questa è la formula fisica che determina quanta energia si deve spendere per andare da un livello ad un altro
    su cento metri di dislivello 1 kg determina una “spesa” di 980 J quindi se la bici pesa 10 kg =9800 J
    ma il “personaggio che sta seduto sopra pesa almeno 6 volte di più della bici 60 kg = 58800 J
    totale 9800+58800=68600 per una bici da 10 kg più il faticante
    se la bici pesa anche 2 kg in più la differenza di energia necessaria è di poco meno del 3%
    alla fine non è il peso della bici che fa la differenza ma le gambe (cioè il “motore”) a fare la differenza

    In conclusione ogni giorno vedo sempre più bici in carbonio super equipaggiate ma alla fine se mi metto sui pedali
    del mio telaio in acciaio
    molti ancora adesso rimangono indietro con il fiatone
    ciao a tutti
    Mauri57

    Rispondi
    • renzo
      renzo dice:

      Sono sempre piu’ convinto anche io di quello che hai scritto ,io ho due mtb una in acciaio e una in carbonio e devo dire che quella in acciaio mi piace sempre di piu’.

      Rispondi
    • aldo
      aldo dice:

      Ti sbagli perché elementi tipo ruote, catena, pedivelle, Si muovono molto di più in vari moti così da dissipare altra energia. Inoltre se sei già al top della forma anche quel 3% (che con le mie considerazioni diventa il 5-8%) in gara fa una gran differenza

      Rispondi
  10. Nicolò
    Nicolò dice:

    i commenti espressi sono indubbiamente più interessanti dell’articolo poichè racchiudono i pensieri personali di ognuno di noi. Come sempre la verità sta nel mezzo… La mia esperienza, su una MTB da gara (8kg), è stata pessima! In discesa nemmeno la sentivo, sembrava precipitare, di conseguenza dovevo controllarla frenandola (anche troppo) e, quello che guadagnavo in salita, lo perdevo in discesa! Da alcuni mesi ho una full in carbonio, il cui peso dichiarato non è nemmeno corrispondente a quello effettivo (13kg) ma ho trovato il mio equilibrio essendo veloce in salita e velocissimo in discesa. Se ci fermassimo ad analizzare le tipologie di gare allora avremo sempre una bici migliore dell’altra e quella da 8kg sarebbe l’ideale per i percorsi a circuito, dove le discese non sono lunghe e insidiose… saluti sportivi

    Rispondi
  11. Alessio
    Alessio dice:

    Salve,ho letto l’articolo ma il mio dato riferito al peso ideale della mtb e’ troppo basso in quanto praticando escursioni con una front il peso di quest’ dovrebbe essere sui 9.0 kg (io peso 59 kg con un altezza di 177 cm. La mia bike pesa 13.0 kg ma nonostante il peso la faccio salire dappertutto

    Rispondi
  12. Davide
    Davide dice:

    salve, la mia esperienza pure è simile, ho pedalato e corso per 2 anni con una mtb front da circa 12 kg (cube ltd cc 26) ed ora pedalo con una bike da 10 kg(cube reaction gtc sl 29) direi che la differenza si sente tutta, e non solo in fatto vado di più ma anche in fatto costa di più, perche chiaramente più è leggera, meno materiale ce e si usura prima, ma ora mi fate venire i dubbi, perche io peso 76 kg in stagione di corse, e seguendo i calcoli dovrei avere una mtb che pesa 11,4 kg, ma questo vuol dire che io andrei più forte con una bici da 11,4 kg piuttosto che con la mia da 10 ?? questo articolo mi ha messo un pò di dubbi… chi mi aiuta ???

    Rispondi
  13. Highlander
    Highlander dice:

    Ho una scott scale che pesa 12,5 kg e peso 72 kg. Per chi non è professionista per quanto mi riguarda è un errore comprare una bici da xc in carbonio, ho visto amici miei distruggere telai in carbonio, poi cosa ti resta? chi ti paga se non ti cambiano il telaio in garanzia. E poi, a cosa serve una bici da 10 Kg se poi ne pesate 90? apposto di spendere tanti soldi per alleggerire di qualche etto, pensate a dimagrire che ne risentite sicuramente di più a livello prestazionale. Questa è una mia opinione, poi ognuno con i suoi soldi è libero di fare ciò che vuole.

    Rispondi
  14. Alex
    Alex dice:

    Ciao, ti posso assicurare che da anni non ho mai chiesto il peso di una bici xc e AM. 

    Dopo anni mi sono deciso a cambiare una vecchia XC che è rimasta algi anni '88, ora ho una Cube Attention di 13 kg e qualcosa, ruote da 26 e coperture da 2.25, molti bikers hanno criticato la scelta di coperture così larghe dicono che non fanno andare veloci.. Ebbene posso dire che in asfalto tengo per 20 km i 30.- 32 km/h in terreno compatto sterrato tendo i 30-28 km/h nelle salite arranco più o meno come gli altri, e nelle discese sono più sicuro che il telaio non si apra in 2. Peso 66 kg e con questa XC mi diverto a fare i salti anche negli bike park. La uso per tutto e portandola all'estremo. Mi da sicurezza avere un bel telaio robusto e solido, secondo me 5 kg di differenza si sentono solo se fai 60 km di salita al 20% di pendenza e con fondo sabbioso. 

    Questo è il modesto parere, non sono un fissato delle bullonerie leggere e componenti che appena cadi si frantumano e ti prosciugano il conto in banca.

    Sarò all'antica ma in tante competizioni mi lascio sempre qualche biker con bici da troppi migliaia di euro alle spalle…

    Rispondi
  15. MIKI
    MIKI dice:

    Scusate se mi intrometto ma io che vengo dal settore moto (motocross ed enduro) ora che da qualche anno pedalo in mtb ho notato che il peso conta "molto" ma solo sulle parti in movimento, uno può avere il manubrio, il telaio, la sella etc. pesanti ma se alleggeriamo le masse in movimento come le ruote (mozzi-cerchi-gomme) o es. pacco pignoni o movimento centrale allora si fatica molto meno.

    Rispondi
  16. Gi@gmail.com
    [email protected] dice:

    Good

    Rispondi
  17. andytr
    andytr dice:

    le considerazioni espresse hanno tutte la loro validità e l loro relatività.fare dei test in salita e verificare come cambiano i tempi di percorrenza è molto semplice: se le diffrenze sono costantemente significative vuol dire che a minore peso maggiore velocità.naturalmente non tutte le biciclette con pesi uguali hanno rendimenti uguali e non tutti i bikers hanno miglioramenti simili con le stesse biciclette perchè il fattore peso non è molto preciso in quanto non prende in considerazione la massa magra e sopratutto i livelli di forza.la mia esperienza personale mi porta a considerare che tutti in salita hanno vantaggi con bici più leggere ma i vantaggi più significativi li manifestano i soggetti meno forti.

    Rispondi
  18. gianni
    gianni dice:

    dai non nascondiamoci dietro un dito. la verita' e' una sola .piu' leggera e' e meglio e'.peso 80kg.e facendo lo stesso percorso con una carver pure da 12kg. e con una scott scale in carbonio ho abbassato il tempo di oltre 15 minuti(da 2ore e trenta a meno di 2 ore e 1/4).e non credo di essere diventato improvvisamente un fenomeno…

    Rispondi
    • bruno
      bruno dice:

      scusa gianni c’è percorso e percorso se mi fai discese e salite anche su sterrato con una mtb da 12 kg non la senti nelle mani ,senza parlare del fango il peggiore qui ci vuole un carro armato almeno di 15 kg con copertoni da downhill e ti godi tutto.scusa questa è la mia opignone e anche la mia mtb whistle

      Rispondi
  19. Thomas Bernasconi
    Thomas Bernasconi dice:

    Secondo me, oltre a tutte le questioni tecniche, materiali, ecc. dipende molto anche dal ciò che si fa con una MTB e dal proprio stile. Io ho praticato motocross e DH, oltre ad aver sempre pedalato su ogni tipo di fondo che NON sia asfalto… a me piace sentire un po' il mezzo, quindi troppo leggere non mi piacciono, o meglio, non mi trovo amio agio, non sento la MTB "parlare con me". Mi piace salire e fare salite estreme, roba da 22ant e 44post ma anche buttarmi a capofitto in discesa stile FR…Ovviamente bisogna anche considerare il costo. La mia Cannondale Prophet 1000,modello del 2005, SPV con 140 di escursione pesa circa 14.5kg (copertoni 2.3"), cambio SRAM Grip Shift e freni "maggiorati" (fino a poco tempo montavo i Grimeca System 8…). Sono quindi 7 anni che la uso e "maltratto" senza avere alcun problema di sorta oltre alla normalissima manutenzione (ok,ok…il deragliatore posteriore ha pensato bene, durante una discesa in montagna, di andarsene a spasso per conto suo per qualche roccia…), e secondo me é anche grazie a una certa "massa" che il prodotto dura nel tempo.

    …riassumendo…

    gare = cancello leggero

    FUN uso "maltrattato" = cancello medio/pesante (e drastica diminuzione dei piatti di polenta e birra…no,no…la birra no…!!!)

    DH = cancellone "pesante"

    Personaggi che usano le MTB superleggeremegaiperdacompetizione…con gomme medio-off per gareggiare con gli stradisti sui passi e appena vedono terra fare dietrofront…beh…questo é un blog pubblico…meglio non commentare…

     

    Ruote grasse a tutti e che terra e fango vengano a voi…perché se ci andate voi…vi spiedi "spantegati" a terra…

    ;-))

     

     

    Rispondi
  20. home-page
    home-page dice:

    Sono stato molto contento di aver trovato questo sito. Voglio dire grazie per il vostro tempo per questa lettura meravigliosa! Io sicuramente mi sto godendo ogni post e ho gi

    Rispondi
  21. adamo cattaro
    adamo cattaro dice:

    alcuni costruttori di telai superleggeri indicano fra le righe un peso max di chi li pedalerà…

    penso che il peso di una bike sia inv proporzionale all'esperienza e allo stile di guida oltre che al peso del biker

    Rispondi
  22. fiorenzo
    fiorenzo dice:

    È la conferma che 1€al grammo in pezzi di ricambio super alleggeriti non bisogna spenderli meno che non si facciano competizioni

    Rispondi
  23. fiorenzo
    fiorenzo dice:

    È la conferma che 1€al grammo in pezzi di ricambio super alleggeriti non bisogna spenderli meno che non si facciano competizioni

    Rispondi
  24. Pierangelo Boccardini
    Pierangelo Boccardini dice:

    Occorre fare un distinguo; se fai le gare anche di gruppo, è meglio una front con componenti dal peso il più contenuto possibile e ti vesti all’essenziale, perché anche psicologicamente non lasci niente al caso.
    Se invece ti vuoi divertire consiglio di prendere la bici che ti piace di più in termini estetici, compatibilmente con le tue tasche.
    Io personalmente ho 4 Dh e 2 Fr e faccio percorsi spesso a spinta per poi divertirmi a scendere, ma i mezzi mi piacciono un sacco, con gomme da 2,80 e forcelle da 40 e completati al massimo con componenti di alta gamma.(qualche volta le viti in titanio o l’X0 anziché X9 ti fanno più bella la tua bike)
    Il “segreto” sta con che esci; è importante che vada con chi ha la stessa categoria di bici.
    Non devi uscire con uno che ha la XC e tu con la DH, per fare un esempio; anche se io uso spesso DH/FR estremo ed esco con mia moglie con una full ma XC, così c’è un certo equilibrio.
    PLUTOGRIGIO.

    Rispondi
    • Davide
      Davide dice:

      Scusami, però penso che scegliere una bici in base al fattore estetico (che sono d’accordo, ha la sua importanza ma non la reputo fondamentale) sia penalizzante in termini di puro divertimento. A prescindere dai mezzi che usano i tuoi compagni (io esco spesso anche da solo per puro divertimento e per dedicarmi del tutto alla performance sportiva senza distrazioni), una cosa che mi sembra estremamente importante da tenere in considerazione è la tipologia di sentieri che ti capita di percorrere con maggiore frequenza. Io dopo aver preso una XC 26″ front con peso inferiore a 10,5 kg, mi sono reso conto che mi divertivo molto in salita e sui tratti tecnici a bassa velocità, però in discesa ero, ovviamente, molto penalizzato, quindi ho preso una bici da FR di 18 kg, una macchina da discesa, un mostro di robustezza e sicurezza ma quasi impossibile da pedalare in salita. Per raggiungere i percorsi comodamente e in tempi brevi da casa mia, senza caricare la bici in auto e senza l’ausilio di impianti di risalita, sono costretto ad arrampicarmi su per le colline, in buona parte salite parecchio impegnative, ripide e tecniche (ovviamente lo stesso vale per le discese), risultato, la bici da FR è troppo scomoda e i tratti da fare a piedi, con una bici da 18 Kg in spalla, sono troppo lunghi. Per risolvere ho preso una bici da EN 27.5, di 14 kg, sospensioni da 160 mm bloccabili, in discesa ha pochi limiti rispetto alla bici da FR, in salita sale bene (certamente non come la XC front da meno di 10,5 kg, ma le ruote più grandi aiutano molto). Credo che terrò solo la bici da EN, è più versatile, è il miglior compromesso tra salita e discesa. Tutte e 3 le mie bici mi soddisfano molto anche dal punto di vista estetico, però come vedi, per divertirmi e godere al massimo nelle mie uscite, non ho tenuto il fattore estetico in cima alle priorità. Per tornare in linea con il tema dell’articolo, secondo me la leggerezza è un vantaggio assoluto, non è tutto, ma sono certo che a parità di geometrie, capacità del ciclista, peso del ciclista, stile di guida, tipologia di sentieri, dimensioni delle ruote, un peso inferiore sia un vantaggio in ogni caso.

      Rispondi
  25. Girolamo
    Girolamo dice:

    La mia esperienza sul peso della bici è che si tratta un fattore importante ma riconosco che non è l’unico elemento che bisogna considerare. Molto importante, secondo me, è la geometria del telaio che permette di scaricare al meglio la potenza sui pedali.
    Avevo una front in alluminio da 13kg e l’anno scorso l’ho voluta cambiare per passare al carbonio (premetto che non faccio gare ma mi diverto, senza considerare il tempo, nei percorsi da XC). Quindi ho cominciato a frequentare qualche test ride e convinto qualche negozio a farmi provare qualche bici. Ho provato una scott expert da 29” (11kg), bianchi metanol da 29” (11,5kg), una speed da 27,5” (10kg), una bottecchia zoncolan da 27,5” (13kg), una bottecchia zoncolan da 26” utilizzata nel campionato XC 2012 (9kg, gruppo xtr completo, forcella sid, ruote con pneumatici tubolari). Le sensazioni più entusiasmanti le ho provate con la zoncolan da 26” da gara, sopratutto per la sua maneggevolezza e la facilità nel superare i salti e gli sconnessi, passaggi che con tutte le altre mi sono sembrati difficili. Comunque pedalare con una bici da 9kg piuttosto che con una da 11 o 13 è tutt’alra cosa, sopratutto in salita. Alla fine, per una questione econonica ho preso una zoncolan da 26”, stesso telaio ma con gruppo xt e forcella reba che quindi pesa intorno agli 11kg di cui però sono ugualmente contentissimo in quanto, in questo caso, la geometria del telaio vince sull’aumento di peso che può dare la componentistica. Ovviamente è sicuramente meglio e più salutare guadagnare qualche chilo con un’alimentazione sana e l’allenamento…

    Rispondi
  26. alberto
    alberto dice:

    se è vero che più è leggera e meglio è, è però più importante vedere dove vado a risparmiare peso cioè se tolgo 300 grammi da manubrio e reggisella in carbonio la bici resta uguale ma se li tolgo dai cerchi è tutta un altra musica!senza parlare del fatto che se tolgo qualche kg di pancetta guadagno in velocità, salute e risparmio un sacco di soldi degli upgrade per alleggerire!!!

    Rispondi
  27. Piero
    Piero dice:

    Ciao, ho avuto e ho diverse MTB da 29″, e volevo raccontare le mie impressioni.
    In ambito XC E Marathon ho avuto subito la percezione che il formato 29″ per me era di gran lunga ideale rispetto il 26″. Ma la mia prima bike con le ruotone l’ho venduta quasi subito, perché non mi sono trovato molto bene( specialized epic comp. Carbon) era faticosa oltre modo nelle salite oltre il 20% e ha avuto diversi problemi meccanici, poi il sistema Brain non mi piaceva come risposta sullo sconnesso leggero. Ho preso una Giant Anthem X 29″ del 2012 peso 11,3 Kg con ruote PMP ZTR Crest. La geometria Maestro e’ una bomba e la bici un missile in salita e discesa. Ho anche una SuperFly 100 Pro SL che ha richiesto un adattamento per le diverse geometrie, ma sono senza parole! Per me i carichi non sospesi sono da tenere il più leggero possibile( ruote, foderi forcella, pneumatici ) ma a parità di peso set e’ meglio più il posteriore e le masse periferiche ( cerchi e gomme ) ma la mia esperienza e i miei 88 Kg mi hanno portato a privilegiare più la sicurezza che il peso per gli pneumatici.
    Come 26″ AM ho una Remedy in carbonio con ruote Crossmax ST. È una bike divertentissima per escursioni con Salti e terreno molto sconnesso.

    Rispondi
  28. giorgio
    giorgio dice:

    Io concordo assolutamente con questa teoria, anche se non sono in grado di esprimermi sulla percentuale esatta del rapporto peso tra ciclista e bici. Credo che ci sia un’altro fattore che incide: lo stile di guida. Chi pedala veloce in discesa può avere un beneficio con una massa superiore rispetto a chi è più “prudente”. Ovviamente questo a richiede un maggiore sacrificio in salita, che può essere compensato da una maggiore agilità di pedalata lavorando sui rapporti e sull’allenamento.

    Rispondi
  29. alessandro
    alessandro dice:

    Ciao, articolo molto interessante, io tengo sempre in considerazione un consiglio che mi dette un amico ciclista esperto nel settore e cioè che prima cosa occorre lavorare su biker e poi sul mezzo, quindi affinare il peso del ciclista e dopo lavorare sul mezzo; ( un biker di 85 kg con bici da 10 kg o 12 kg fa una bella differenza se passa a 75 kg dopo dieta no!?) ciao

    Rispondi
  30. Gigino
    Gigino dice:

    Bellissime info e dati opportuni che mi fanno pensare alla mia giovane esperienza: pedalare in salita con un mezzo Kg in più (da quello letto nei commenti si può) anche se si perde qualche minuto in salita che si riguadagna in discesa con stabilitá e sicurezza. Del resto la veritá sta nel mezzo!!!! Ciao a tutti……

    Rispondi
  31. Simone Ghizzardi
    Simone Ghizzardi dice:

    Ciao,
    io posseggo una MTB Olimpya HIG TECH dal peso di circa 14 kg, (peso 73kg), faccio gare tipo GF e riesco a fare delle buone prestazioni (secondo me) arrivando prima di gente più giovane,ho 51 anni, e con biciclette più leggere.
    Certo piacerebbe tanto cambiarla e provare una 29″ in carbonio e vedere che tempi faccio.
    Comunque io credo che sia importante la bici ma se le gambe non girano………
    Ciao Simone.

    Rispondi
  32. domenico
    domenico dice:

    Ciao porto la mia esperienza riguardo la 29 ,il peso a mio parere è importante in quanto la mtb è più reattiva e più maneggevole soprattutto a livello agonistico ,anche sé è soggettivo ovviamente c’è un aspetto fondamentale il costo questo è anche uno dei motivi per il quale molti non hanno interesse o non vogliono spendere migliaia di euro nella mtb .

    Rispondi
  33. Pierluigi
    Pierluigi dice:

    Sono contento di sentire questa cosa.
    Avevo una Cannondale Jekill del peso di kg.11.5 ma con un telaio di una misura più piccola, ora ho la nuova Cannondale RZ ONE della giusta misura
    e nonostante i suoi 14 chili fatico molto meno di prima,penso grazie alle nuove geometrie e la posizione corretta del corpo.
    Grazie. ciao

    Rispondi
  34. augusto
    augusto dice:

    qualche settimana fa ho sostituito la mia stj 26,peso di poco superiore agli 11 kg,con una camber 29″ con peso quasi equivalente alla stj.
    oggi ho chiamato il rivenditore che,per mia fortuna,ha ancora la mia stj,in settimana me la vado a riprendere!
    questo per dire che il peso e’ relativo ,la camber l’ho trovata impedalabile in salita,ci faticavo quanto sulla remedy che pero’ pesa piu di 14 kg

    Rispondi
  35. luigi
    luigi dice:

    Direi che se si compete ad alto livello delle differenze di peso e di scatto possono fare la differenza in termini di risultato. Penso anche che occorre cmq valutare il rapporto peso/affidabilità che, se non approfondito, inficia con un inconveniente tutta una performance. Ciao

    Rispondi
  36. marco
    marco dice:

    Salve, volevo un informazione ho una26 scott scala 30sui 14kg ho .ruote di fabbrica shimano vorrei cambiarle con xt leggere e ancheil cambio e movimento centrale conviene apportare queste mmodih e sarebbe più leggera e scattante?

    Rispondi
  37. Massimiliano
    Massimiliano dice:

    Al di la del tema che più leggero e meglio è, per questioni meramente fisiche, sopratutto dove le salite sono parte importante del percorso (ricordiamoci le formule E=mgh e E=mv^2 di fisica, che indicano comunque la massa come caratteristica importante). C’è da appuntare un paio di questioni. La bicicletta, nel totale della massa “uomo macchina” è una parte marginale (sopratutto per me che sono un po’ sovrappeso…). Anche se sfondo sicuramente una porta aperta, per motivi legati ad altre questioni fisiche (momento angolare), secondo me non è tanto importante il telaio leggero, quanto i cerchi, le masse in rotazione. Menter un Kg sul telaio in più inficia marginalmente sulla performance, l’inerzia anche di 400 gr in più sul cerchio si sente moltissimo… Per questo, per quanto possibile, quando ci sono salite e discese (sopratutto salite) un cerchio RAGIONEVOLMENTE PIÙ PICCOLO in composito ed una copertura molto leggera sono consigliabili.
    La mia esperienza, viene comunque più dalle moto, dove la differenza tra un cerchio in alluminio ed uno in magnesio sono sensibili.
    Mt 2 ¢ 😉

    Rispondi
    • daniele
      daniele dice:

      Concordo pienamente, è inutile avere un telaio da 1.5 kg se poi si hanno delle ruote che pesano 5 kg ;ho comprato da poco una santacruz hetchler peso telaio 2.5, peso ruote 4.5 kg della vecchia bici, inutile dire che nel frattempo ho perso 10kg di peso ( 12% massa grassa) e sono 75 kg è chiaro che la prima cosa da cambiare sono le ruote( costo circa 1500 €)  porterei la bici verso 11kg diminuendo le masse in rotazione, naturalmente da 26" xchè da 29" pesano di più (fino a +300 gr) impattano di più sul terreno e diminuiscono lo spazio di manovra sulle curve a gomito; unici vantaggi: più comfort nelle discese, minor difficoltà sugli ostacoli per il resto…..  

      Rispondi
  38. Paolo Parella
    Paolo Parella dice:

    Sono d’accordo con chi sostiene che più la bici è leggera meglio è. E’ vero che forse si paga nelle discese scorrevoli, ma i vantaggi i salita e nei rilanci sono comunque evidenti.
    Certo la leggerezza si paga in termini di costo del mezzo.

    Rispondi
  39. claudio
    claudio dice:

    Ho una CUBE AMS 100 pesa 13.5 kg, peso mio attuale 75 kg per cui sono nei giusti parametri per escursioni nei boschi e in montagna, chiaro che se avessi la possibilità acquisterei una MTB in carbonio più leggera, per il momento cerco di tenermi in forma non aumentando di peso, anzi visto che arriva la bella stagione mi tirerò giù un paio di chili .
    Ciao Claudio.

    Rispondi
  40. giancarlo
    giancarlo dice:

    ciao direi che a logica l’osservazione pare condivisibile .
    tuttavia per meglio affinare il ratio occorrerebbe detrarre la massa grassa : cioè il peso che ti porti dietro e che non corrisponde a massa muscolare utile.
    g

    Rispondi
  41. andrea casetti
    andrea casetti dice:

    per me + è leggera la bici meglio è. Sempre. Ovviamente il problema è che la leggerezza si paga … . Inoltre non va dimenticato che a parità di peso conviene avere ruote leggere (massa rotante …). Ciao

    Rispondi
  42. Dario Di Marcotullio
    Dario Di Marcotullio dice:

    Questa la mia esperienza : pedalato per un anno con MTB 29″ da KG.13,5 in alluminio front, da XC (Cube ACID). Pedalato da 2 mesi con MTB 29″ da KG.11,5, in carbonio full, da XC (Cube AMS 100 Super HPC race). La differenza di 2 kg si sente tutta, nelle salite e devo dire anche nei rilanci e nelle discese, sento la bici più “sotto al sedere”, risponde con più sollecitutide ai cambi di traiettoria richiesti, potrebbe dipendere la materiale (alluminio vs carbonio), ma anche dal peseo inferiore della bici.

    Rispondi
    • daniele
      daniele dice:

      Concordo pienamente.
      Sembra la mia stessa esperienza:
      due anni con XC FRONT da 26″ e 14 kg, ora da 3 mesi con XC FULL da 29″ e 12 kg. Tutta un’altra dimensione, sia di bici sia di prestazioni. Soprattutto in salita il peso inferiore si sente. In discesa, la sospensione posteriore e le gomme da 29″ mi danno maggiore sicurezza e stabilità.
      Nel frattempo, però, ho perso 12 kg…
      Quindi, secondo me, conta molto anche questo.
      Buon divertimento

      Rispondi
    • Stefano
      Stefano dice:

      Salve, vorrei fare anche io delle considerazioni. Premetto che sono un super principiante, e pedalo una bottecchia fx 520 forse del 2006.. Pesata ieri, 14,2 kg.. Il mio peso varia dai 77 agli 85 – 90 kg a seconda dei periodi – stagione. Faccio salite con pendenze gravissime e sdruciolevoli ( sterrato – cemento con ghiaia) ed ho notato una cosa. Al di la del peso delle ruote, conta anche la tassellatura e la sezione ruota, soprattutto in discesa. Le mie modeste uscite vantano un percorso misto di asfalto, cemento bianco pulito e sporco, sterrato. E si va dalla pianura, leggera salita e relativa discesa, salita grave con relativa discesa. Monto le bontrager lt3 2.00 x 26, che sono ruote scorrevoliissimè, e in media sono le migliori che ho trovato. Giusto compromesso fra salita e discesa. Ho provato al posteriore la rapid rob da 2.10 ed ecco la considerazione. Più morbida e tassellata: più grip in salite sdruciolevoli e sterrato, con meno stanchezza potendo pedalare a battisella nelle salite sconnesse gravi, ma un rallentamento eccessivo nelle salite in cemento pulito e/o asfalto.. Per ora preferisco le lt3. Per il fatto sicurezza, ho trovato la frenata migliore nelle discese in sterrato. In conclusione: bici più leggera, con tutti i vantaggi. La sicurezza in discesa tolta dal peso inferiore, si potrebbe recuperare cambiando tipologia di battistrada, sezione, tassellatura etc? Sono contentissimo della mia bici: ci faccio tutto, nel mio piccolo.. Sono sceso dalla sella solo in salite impossibili che molta gente non farebbe a piedi. Quest’estate però al mare ho noleggiato una ghost molto superiore alla mia, nonché leggera! Fantastica esperienza,, con rapporti alti (corona grande, 4 o 5 pignone su 10 o 11) riuscivo a fare degli scatti lunghissimi in salita in asfalto con la mia impensabili! Mi sono veramente divertito.. Secondo me pesava sugli 11 kg, tutta equipaggiata deore.. Mi sono reso conto subito della differenza di peso prendendola per metterla in strada..

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *