Risultato test, fuori sella e traiettorie

Ciao il test che ti ho proposto di fare prevedeva un punteggio massimo di 30.000 punti.

Se ti sei segnato il primo punteggio che hai ottenuto come ti ho suggerito puoi capire qual’é la tua preparazione.

Molti si sono lamentati che il test era troppo veloce.

In realtà il test é stato concepito per premiare le risposte esatte regalando del tempo.

Quindi se hai risposto correttamente alle prime 3 domande di fila che riguardavo i fondamentali eri praticamente certo di concludere il test.

Purtroppo molti non sono riusciti a primo colpo, e neanche al secondo.

Diciamo che al terzo tentativo già é andata un pò meglio.

Ma quali sono stati i risultati?

Beh se, faccciamo finta di non vedere i primi due tentativi e guardiamo dal terzo in poi posso dire che non é andata malissimo (ma neanche bene).

Il 55 % ha risposto in maniera corretta.

Questo su un totale di 2290 biker.

Quindi un dato piuttosto attendibile dal punto di vista statistico.

La cosa che forse ti sembrerà più incredibile é che le domande sbagliate con maggiore frequenza riguardano

  • la gestione dei pesi
  • come si frena
  • la posizione in sella

Quindi se esci con un amico in MTB é possibile a livello statistico che uno dei due non conosca le tecniche di guida basilari.

Traduco: uno dei due potrebbe farsi male (anche seriamente) perché non conosce i fondamentali.

Ti invito a riflettere su questo.

Ora, qual’é la tecnica di guida che ogni biker dovrebbe conoscere e che puntalmente, visto che é molto semplice, viene sbagliata?

Il fuori sella.

Il motivo é che il fuori ha molte varianti con tempistiche di attuazione diverse.

Usare quella inappropriata può metterti in difficoltà invece che aiutarti.

Ti invito a guardare il video che segue.

E’ la gara di Cross Country femminile svoltasi a Windham nel 2015.

Ti invito a guardare tutti i ventisei minuti della gara ma in particolare ti invito ad andare al minuto 7.20 e guardare per circa 30 secondi.

L’atleta che vedi cadere é l’atleta danese Annika Langvad una delle più forti biker al mondo nel Cross Country Olimpico XCO.

Perché una delle atlete più forti al mondo cade in una semplice variazione del tracciato quando probabilmente ha provato il percorso almeno 100 volte?

Guardati bene il minuto 7.41 e prova a rispondere nell’area commenti. Mi interessa la tua opinione. Ciao!

 

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.
2 commenti
  1. francesco dice:

    per me è troppo avanti e troppo inclinata all’interno. Puoi anche sbagliare un’uscita di curva e trovare una pietra che ti cambia traiettoria. poi siamo tutti campioni con il senno di poi.

  2. Flavio Allegri dice:

    Non finisco mai di stupirmi di fronte alla competenza di chi commenta qui.
    Sono veramente bravi.
    Io, invece, da profano, la butto lì.
    Questi campioni difficilmente fanno errori; perché è caduta pur avendo provato cento volte il percorso? L’acido lattico.
    Lui non fa solo bruciare i muscoli, ma oscura anche mente e riflessi.
    Quindi la tecnica va sfumando man mano che ci si spinge al limite.
    Teniamone conto.
    E perdonate se sono stato banale.

I commenti sono chiusi.