Posizionamento MTB: trucchi per una bici su misura.

Posizionamento MTB: trucchi per una bici su misura.

Come stare tanto tempo in sella senza avere fastidi e dolori a schiena, gambe e spalle?

Il modo migliore sarebbe quello di fare un posizionamento con tecniche di biomeccanica; fattibile in quasi tutti i negozi di ciclismo specializzato.

Possiamo però regolarci la nostra MTB anche in casa utilizzando questi semplici passaggi.

  • SELLA

Della sella abbiamo tre punti da tenere in considerazione: l’altezza, l’arretramento e l’inclinazione.

L’altezza è facile da trovare, mettete le scarpe che usate per pedalare e un paio di pantaloncini con fondello.

Per capire quando la sella è nella posizione giusta basta trovarsi con il piede in posizione orizzontale e la gamba distesa completamente; come nella foto sottostante. La distanza pedale-sella deve essere circa uguale a quella del vostro cavallo da terra.

posizionamento mtb

 

Passiamo ora a cose più complicate; partiamo dall’inclinazione della sella.

Prendete una bolla e posizionatela su punta e parte posteriore della sella. Secondo i manuali di biomeccanica e bike-fit la bolla dovrà essere perfettamente orizzontale (angolazione 0)

Se posso dare un opinione personale preferisco tenere la punta della sella leggermente verso il basso; si parla sempre di millimetri. Questa leggera angolazione mi consente di avere più controllo sulla bici in caso di terreni accidentati in salita.

posizionamento mtb

Vediamo l’arretramento:  anche qui ci viene in aiuto uno strumento semplice. Un filo con appeso ad una estremità un peso (di solito piombo).

Appoggiamo il filo sulla parte interna della rotula e lasciamolo cadere fino a quando supera la pedivella.

Un buon arretramento della sella si avrà quando il filo passerà in centro al buco per i pedali come in foto sotto.

posizionamento mtb

posizionamento mtb

Passiamo alla parte anteriore;

  •  ZONA MANUBRIO

Anche qui abbiamo diverse misure da controllare.

Guardando l’attacco manubrio dobbiamo considerare inclinazione e lunghezza.

Un attacco più lungo o inclinato negativamente ci porterà ad essere più distesi sulla bici; uno più corto o alto ad assumere una posizione più eretta.

Qui è più difficile capire la misura giusta. Diciamo che a seconda delle nostre capacità di guida cercheremo attacchi diversi.

Per la lunghezza un trucco è quello di, una volta posizionata correttamente la sella, guardare il mozzo della ruota anteriore. Secondo i “criteri standard” dovreste avere il manubrio che vi copre la visuale del mozzo.

Anche qui io tendo a consigliarlo leggermente più corto e con inclinazione negativa per avere maggiore peso sull’anteriore e quindi maggior controllo.

posizionamento mtb

E da qui parliamo dell’inclinazione. In caso di raider esperti o comunque abituati a passare molto tempo in bici si consiglia un attacco più race. (inclinato negativamente in modo di dare molto controllo alla bicicletta.)

Per ciclisti più a livello base è invece preferibile usare un attacco con una minore inclinazione o addirittura inclinazione positiva. Questo ci darà una guida più comoda ed eviterà mal di schiena a tutte le uscite.

Anche il manubrio ha la sua importanza e moltissimi angoli e misure da controllare.

Andando in ordine di importanza troviamo la lunghezza, la piega, l’up-sweep o inclinazione verso l’alto della parte finale e il back-sweep o inclinazione verso il basso della parte finale.

posizoionamento mtb

La lunghezza manubrio è molto importante.

Un manubrio troppo largo porta ad avere poco controllo della bicicletta e una guida troppo avanzata. Un manubrio troppo stretto al contrario porta poco controllo nelle parti molto bucate o con molti sassi  e radici.

Trovare la giusta lunghezza non è facile e va molto a “tatto”. L’unico consiglio che posso darvi  è che, se la vostra posizione è giusta, dovreste avere i gomiti piegati quasi a 90 gradi quando vi trovate in face di spinta.

posizionamento mtb

L’altezza della piega è un altro fattore chiave. Spesso usata per correggere attacchi manubrio troppo bassi ha invece una funzione più importante, vi alza il baricentro e quindi la forza che imponete sull’anteriore.

Olte a questo vi porta nella posizione ottimale quando bisogna alzarsi dalla sella per spingere.

Il mio consiglio è quello di usare una piega tra i 10mm  e i 30mm. (per non andare su misure troppo estreme.)

Le altre due inclinazioni da controllare sono come detto l’up-sweep (la piega verso l’alto della parte manopole) e il back-sweep (la piega verso l’indietro della parte manopole).

Non tutte le case forniscono queste misure in quanto nel 90% dei casi sono inutili e del tutto sconosciute ai raider. L’unica cosa da sapere è che la prima regola la posizione dei gomiti verso l’altro e la seconda verso l’interno.  Per la decisione direi che è inutile sforzarsi di trovare il manubrio perfetto; come già detto molte case non forniscono neanche queste indicazioni sul prodotto.

Il modo migliore è quello di cercare un manubrio che ci permetta di essere comodi alla guida e con i gomiti larghi;  senza però sentire le spalle chiuse e rigide.

Spero che questi semplici passaggi vi aiutino a trovare la posizione perfetta sulla vostra MTB. Il consiglio rimane comunque quello, in caso di particolari esigenze o difficoltà nel trovare una posizione comoda, di rivolgersi ad un negozio attrezzato di strumenti e conoscenze per potervi configurare il mezzo con un posizionamento ideale per voi.

Edoardo Zella

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.

Un commento su “Posizionamento MTB: trucchi per una bici su misura.”

I commenti sono chiusi.