3 Principi fondamentali per una performance sportiva migliore

3 Principi fondamentali per una performance sportiva migliore

3 principi per una superiore performance sportiva

L’esercizio fisico e l’attività sportiva sono fondamentali per favorire il pieno sviluppo dell’organismo e per promuovere e mantenere uno stato di salute ottimale.
L’alimentazione rappresenta la fonte di sostegno dei bisogni energetici degli sportivi.
Non serve vagare alla ricerca di formule alimentari miracolose o intrugli farmaceutici per ottenere il massimo dal proprio organismo e per migliorare le qualità motorie.

La soluzione è semplice e si traduce in tre principi fondamentali.

PRIMO PRINCIPIO – “È essenziale ricorrere ad un’alimentazione sana e naturale che rispetti la fisiologia umana”

L’uomo, per ragioni di conformazione esterna ed interna, è sin dalle sue origini al 98% fruttariano e vegetariano, perciò il carburante ideale è costituito da frutta fresca, verdure, cereali integrali, legumi, semi e frutti oleaginosi, alimenti con caratteristiche uniche, a basso indice di digeribilità, di veloce assimilazione e che non creano tossiemia e leucocitosi.

Ebbene, sono proprio questi cibi il segreto per acquisire le condizioni ideali per lo sportivo, per una buona riuscita della sua prestazione.

SECONDO PRINCIPIO – “Forza, Vitalità e Resistenza durante lo sforzo si esprimono solo se l’organismo è in uno stato di leggerezza ed è libero da ostruzioni”

Non è altro che la sintesi della filosofia di Arnold Ehret, uno dei pionieri dell’igienismo, che era riuscito a tradurre il tutto in una formula: V = F – O

V rappresenta la vitalità, ovvero le capacità necessarie alla prestazione;

F è la forza che muove il corpo, l’organismo e che gli da la possibilità di essere efficiente anche in assenza di cibo;

O è l’ostruzione costituita da materie estranee, tossine, muco e farmaci.

TERZO PRINCIPIO – “Le energie indispensabili per la prestazione sono state immagazzinate nel periodo che la precedono, non solo nel giorno stesso”

Molti pensano che il rendimento derivi dal cibo assunto poco prima della gara, invece, nel giorno stesso, bisogna far spendere al corpo meno energie possibili per i processi di digestione e di eliminazione.

Tutto ciò è indispensabile per avere un organismo totalmente a disposizione dello sforzo, ricordando che le energie necessarie per una lunga pedalata, non si attingono da ciò che si ha mangiato a colazione, ma dai cibi che vengono assimilati nelle settimane precedenti alla prestazione.

Articolo a cura del Dott. Rigon Fabio:

Laurea in Scienze Motorie con Magistrale in Scienze e Tecniche dell’Attività Motoria Preventiva e Adattata;
Master Universitario di 1° livello in Posturologia Clinica;
Master Universitario di 1° livello in Nutrizione Clinica.

Mi occupo giornalmente della salute delle persone ed ho capito negli anni come l’alimentazione sia uno stimolo fondamentale per il nostro corpo (anche se non è l’unico): per questo cerco di divulgare ogni giorno i principi alimentari per migliorare il benessere delle persone.

A giugno 2015 ho  pubblicato il libro Homo Vegetus, nel quale spiego, sin dal principio, il perché tutti dovrebbero seguire una dieta che renda sani, forti e vigorosi, consumando ciò che Madre Natura mette a disposizione.

Homo Vegetus è una guida semplice ma dettagliata nella quale si trova cosa si dovrebbe mangiare prima, durante e dopo un’attività fisica a seconda delle esigenze di ognuno.

il libro è online http://www.librisalus.it/libri/homo_vegetus.php

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.

Un commento su “3 Principi fondamentali per una performance sportiva migliore”

  1. Come sempre, interessato ed incuriosito! Grazie e buon lavoro. P. S. Vorrei darmi al duathlon amatoriale, (ho50 anni :-)) running e Mountain bike, qualche dritta? Di nuovo, buon lavoro.

I commenti sono chiusi.