MTB news. Quando l’innovazione è al servizio dello sport.

Ogni anno nel nostro mondo vediamo mtb news e innovazioni tecnologiche in ogni ambito, dalla misura delle ruote alle geometrie passando per i componenti.

Oltre ai grandi marchi però ci sono molti altri prodotti, spesso sconosciuti al grande pubblico, che sono degni di nota. Alcuni riescono anche a vincere il premio Design & Innovation Award pur essendo del tutto sconosciuti.

Ne abbiamo provati alcuni. Vediamoli nel dettaglio prima di proseguire.

MTB news nelle manopole: RevolutionGrip.

Ebbene si questo prodotto è davvero innovativo e dalle altissime potenzialità.

Inizialmente non ero molto convinto di questo sistema. Delle manopole non ferme e ben ancorate al manubrio? Come si può guidare con un sistema che si muove sotto il nostro palmo della mano?

Ebbene si questo sistema di “shock assorbing” permette di mantenere le manopole indipendenti dal manubrio e, grazie ad alcuni cuscinetti in gomma, di eliminare molte vibrazioni che dalle forcelle si trasmettono alle nostre mani.

Mi sbagliavo. Queste manopole “ammortizzate” sono un vero portento. Il sistema rende il grip indipendente dal resto del manubrio, smorzando molto bene le asperità del terreno. Vi assicuro che le vibrazioni, soprattutto quelle dovute alle brake-bumps, tendono a sparire rendendo la guida molto più fluida e meno stancante. La possibilità di regolazione del movimento della manopola permette poi di trovare il giusto feeling tra assorbimento delle vibrazioni e rigidità del sistema. Voto 10 e lode!

Se soffrite di formicolio alle mani o di dolori dovuti alle vibrazioni del manubrio questa è la soluzione più innovativa e meglio funzionante sul mercato.

Ecco il sito ufficiale dove acquistare Revolution Grip Schock Absorbing System:

https://revgrips.com/

Per ulteriori info su questa mtb news potete visitare anche il sito:

MTB news sul trasporto di camere d’aria e attrezzature.

È qui che l’innovazione si avvale di tecnologia zero, arrivando comunque a risultati strabilianti.

Chi avrebbe mai pensato di utilizzare del semplice velcro per trasportare camera d’aria di scorta e multitool?

Ad oggi con l’arrivo di questo prodotto ci sembra scontato utilizzare soluzioni simili ma, fino a qualche anno fa, l’unica soluzione erano le classiche sacche sottosella o i contenitori da inserire nel portaborraccia.

Nel nostro caso abbiamo testato il marchio Lourì (distribuito da Cyclorise in Inghilterra) ma ne esistono molti altri modelli in commercio.

Questi velcri, venduti in diversi colori, sono molto comodi e compatti.

A differenza dei normali sistemi fai da te come nastro adesivo o velcri generici, permettono inoltre di salvaguardare il telaio da graffi e la camera d’aria da forature date dalle pieghe o dal pizzicamento.

A differenza dei normali supporti sottosella permette infatti di fissare il tutto in qualsiasi parte della bicicletta, lasciando liberi sistemi come reggisella telescopici e portaborraccia.

Inoltre la camera d’aria in gomma tiene tutto molto fermo e ben saldo, evitando che i vari oggetti sbattano tra loro o si muovano. Altro vantaggio, oltre al maggiore campo di utilizzo su ogni parte della bicicletta,  è dato dal minore peso rispetto ad altri sistemi. Questo è sicuramente un fattore fondamentale nel nostro sport.

Per vedere tutti i colori disponibili e le specifiche tecniche di questo prodotto potete visitare il sito ufficiale del rivenditore internazionale:

https://www.cyclorise.com/store/p143/louri-frame-strap.html

MTB news sui pedali. MagPed usa i magneti.

Esatto l’attacco di questi pedali è dato dalla presenza di un magnete e di una placchetta di ferro sotto la scarpa.

Sicuramente questa è una delle novità più interessanti tra quelle provate e devo dire che ha destato molto interesse nel mondo mtb.

Sebbene non possa dire che questo sistema sia come delle vere tacchette il meccanismo e molto interessante. questi pedali si prestano in modo ottimo a chi non ha completa dimestichezza con gli attacchi classici ma non vuole rinunciare al piede ben saldo sui pedali.

In particolare mi sono trovato molto a mio agio utilizzandoli in uscite enduro. Solitamente nelle discipline gravity avere il piede agganciato può risultare scomodo e tanti rider hanno paura di utilizzarli per poca sicurezza in caso di perdita di equilibrio. I pedali flat d’altro canto permettono al piede di alzarsi senza problemi e di muoversi. Se non si è abituati a guidare con pedali non spd più capitare di non sentirsi stabili sulla bici in tratti molto sconnessi.

Questi pedali sono la soluzione.

Il piede rimane infatti ben ancorato al pedale, ma allo stesso tempo permette uno scancio rapido e un feeling molto simile ai pedali flat.

Devo dire che in questo caso l’innovazione non giova solo ai professionisti, che comunque possono trovasi molto bene e utilizzarli in attività dove si necessità di maggior libertà di movimento sui pedali. Nella maggioranza dei casi un sistema come questo può realmente aiutare gli amatori a trovare un giusto compromesso tra attacchi e pedali con pin. Questi pedali non sono facili solo da sganciare, ma sono molto comodi anche in fase di aggancio, non necessitando della forza del rider per collegare il pedale alla scarpa. Per ultima cosa li consiglio vivamente anche a chi non vuole avere il piede obbligato in un aposizione. La superficie magnetica è molto ambia permettendo diverse angolazioni e posizioni del piede sul pedale.

Ecco il sito ufficiale dove poter acquistare MagPed:

Per maggiori info sui peali calamitati ecco un’altra recensione:

https://www.ebikefind.com/home/blogs/PedaliadagganciomagneticoMAGPED?ref=3

MTB news storage and protect: Il tappo forcella Cork Fork.

Anche Miles-Wide Insustries ha creato un prodotto veramente innovativo, dall’utilità strabiliante e con un look che definirei “simpatico”.

Si tratta di un semplice tappo con expander in gomma che si posiziona sotto il piantone della forcella.

A cosa serve? Semplicissimo, permette di utilizzare il piantone stesso come spazio per il trasporto di alcuni accessori.

Allo stesso tempo il tappo evita che acqua e sporco entrino nel piantone mantenendolo pulito.

Cosa esiste di può facile di un tappo in gomma? Eppure nessuno prima di Miles-Wide (azienda americana che produce moltissimi acessori per il ciclismo) ha mai pensato che questo strumento non solo avrebbe permesso di tenere pulito l’interno della serie sterzo, ma anche di utilizzare l’interno del piantone come spazio per gli accessori, quanto meno senza dover sostituire li ragno con soluzioni apposite e molto costose.

Ecco il sito di Miles-Wide industries dove poter trovare informazioni su Cork Fork e altri accessori:

Cosa caratterizza tutti questi prodotti? L’ innovazione e il brand poco conosciuto.

È questo che fa riflettere come le mtb news nel settore non arrivino dai soliti più che blasonati brand.

Sono infatti le piccole realtà che si preoccupano dei veri problemi dei ciclisti non professionisti.

Perché i big del settore non arrivano a queste soluzioni e altri si? Perché l’innovazione non parte da marchi con molto capitale a disposizione?

La risposta è facile, perché i brand più famosi sono interessati a vincere nelle competizioni per dimostrare che il loro prodotto è meglio di altri.

Il problema di questi ultimi è raggiungere la massa, tralasciando le necessità del singolo, che deve adattarsi agli standard.

Nelle piccole realtà invece le idee arrivano da ciclisti amatoriali che affrontano i problemi reali di questo sport per chi lo vive come passione e non per agonismo.

È qui che le mtb news di reale interesse si sviluppano.

A mio avviso questi pionieri nelle nuove tecnologie, spesso composte da materiali semplicissimi e da leggi fisiche di base,  sono i veri marchi che portano avanti il nostro mondo.

La loro mission è dare al cliente un prodotto utilie, che rispecchi pienamente le necessità dello stesso e dall’elevata cura nei dettagli.

Anche i materiali usati da questi marchi sono spesso migliori rispetto ai produttori di massa.

Non è un caso che le manopole descritte prima come esempio mi siano durate circa il doppio rispetto alle normali manopole di marchi più famosi.

Perché questo articolo vi starete chiedendo ormai. Perché penso che valorizzare le novità legate a questo mondo e i marchi che apportano innovazione sia molto importante per lo sviluppo di sistemi davvero utili per i consumatori e di valore per i biker.

E voi quali mtb news avete provato? Di quali non riuscite a fare a meno sulla vostra mtb?

La domanda a cui davvero mi piacerebbe avere risposta è: quali mtb news mancano secondo voi nel nostro settore e potrebbero davvero rivoluzionarlo e quali prodotti servirebbero ancora per risolvere i problemi dei biker?

A voi la parola.

Ringraziamo Revolution Grip, Lourì, MagPed e Miles-Wide Industries per la possibilità di testare i loro fantasitici prodotti.

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.

Edoardo Zella

Classe 1994 è l’elemento “extreme” dello staff. Tra gli studi di economia e il lavoro passa gran parte del suo tempo tra bike park, pump track e campi dirt-slopestyle. Oltre agli allenamenti e alle gare fa spesso da istruttore downhill e guida bike park. Espertissimo nel campo delle novità e di tutto il settore mtb. Per gli amici è IL MANETTA.

Ultimi post di Edoardo Zella (vedi tutti)