Imparare ad allenarsi e a conoscersi

Imparare ad allenarsi e a conoscersi

LOGO TTSIl progetto su cui stiamo lavorando da diversi mesi è davvero ormai terminato. Total Training System vuole essere un programma di allenamento che prima di tutto insegni davvero ad allenarsi, a conoscere il proprio corpo, i propri limiti e i punti di forza.

Questa è la nostra filosofia, perfettamente sposata dal nostro preparatore ufficiale Saverio Ottolini che ben conosce non solo gli aspetti scientifici dell’allenamento, ma anche tutti gli aspetti emotivi e psicologici di ogni biker, essendo da tanti anni a diretto contatto quotidiano con atleti di ogni livello.

In questo articolo Saverio ci spiega la sua visione dell’allenamento e la filosofia che ci ha condotto alla creazione di Total Training System.

Allenarsi meglio per conoscersi meglio – di Saverio Ottolini

Molti biker sono convinti che valersi di un programma di allenamento significhi spingersi verso un interpretazione puramente agonistica della mountainbike; spesso le tabelle ed i programmi vengono considerati utili ma impegnativi sia dal punto di vista fisico che mentale. 

Noi vogliamo spiegarvi perché l’allenamento rappresenta un processo di costruzione personale che ovviamente vuole migliorare la performance, ma allo stesso tempo aspira a formare l’atleta in modo completo e considera quindi la prestazione come aspetto secondario di uno sviluppo psico-fisico equilibrato e completo.

Cosa significa allenarsi

Qualsiasi disciplina sportiva, se gestita in modo scorretto, può causare scompensi e successive complicazioni muscolari, articolari e metaboliche.

Allenarsi significa prendere coscienza del gesto sportivo, capire e sentire il proprio fisico sia durante l’attività che nelle successive fasi di recupero, significa gestire volumi ed intensità con giusta progressività, rispettando in modo “completo” il  proprio fisico.

Per questo motivo ogni biker deve scegliere, in base alle proprie disponibilità di tempo, al livello di prestazione iniziale e naturalmente ai target che vuole raggiungere, la tipologia e modalità di allenamento più adatta.

Ovviamente un buon preparatore saprà valutare il biker, verificando potenzialità, livello di prestazione e tempistiche di allenamento per creare e proporre un programma specifico.

La prima fase di una corretta preparazione deve far apprendere al biker una precisa metodologia, che oltre a fornire all’atleta tutte le nozioni di base sulla propria disciplina, aiuti a “sentire”  correttamente l’intensità di allenamento per capire i propri deficit e verificare i propri limiti. 

Allenarsi significa anche imparare ad avere un approccio mentale positivo allo sport, per gestire sia i momenti di eccessivo entusiasmo che le fasi di stanchezza e abbattimento.

Il Total Training System è stato creato proprio per dare ai biker un modello corretto di allenamento, per fornire una metodologia che porti l’atleta a sperimentare un esperienza nuova arrivando a conoscere in modo più completo il proprio fisico e le sue risposte.

Come allenarsi in modo corretto

Allenarsi senza una corretta metodologia, e soprattutto senza valutare esattamente i carichi di lavoro può portare a sovrastimare le proprie energie, portando ad un graduale peggioramento delle performance e della condizione fisica generale.

Soprattutto in ambito amatoriale, l’atleta è sottoposto settimanalmente ad una serie di numerosi “stress”: prendiamo in considerazione sia l’allenamento, che tutti gli “stimoli negativi” conseguenti al lavoro, eventuali malattie, stile di vita, rapporti con gli altri (l’aspetto psicologico influisce a volte più di quello fisiologico).

Nello sport amatoriale, i cali prestativi in gara derivano più frequentemente da un marcato aumento degli stress non legati all’allenamento, o comunque alla somma dei due stimoli, che unicamente ad un affaticamento dovuto agli allenamenti.

Per farvi capire l’importanza di una corretta gestione dei carichi di lavoro è utile richiamare i concetti di “OMEOSTASI” e di “SUPERCOMPENSAZIONE”.

Molto semplicemente possiamo definire l’ “omeostasi” come l’insieme dei processi e reazioni che contribuiscono a mantenere costanti tutti i livelli del nostro organismo. Qualsiasi stimolo (ad esempio un allenamento) causa importanti alterazioni degli equilibri organici; il nostro fisico come risposta, mette in atto una serie di processi per ripristinare la condizione iniziale. 

Essendo la “macchina umana” un sistema “intelligente”, al fine di garantire che nel caso di nuovi “stress” non vi siano pari o ulteriori alterazioni, l’organismo potenzia le sue capacità di sostenere, reagire e recuperare, consentendo allo sportivo di effettuare prestazioni sempre più elevate: ecco spiegata la “supercompensazione”.

In pratica l’allenamento e le gare consentono di mettere in crisi determinati sistemi al fine di renderli migliori.

Ovviamente è fondamentale che vi sia un corretto rapporto tra carico e recupero, al fine di permettere all’organismo sia il ripristino della condizione di partenza, che il miglioramento causato dalla successiva supercompensazione.

Nel grafico è possibile osservare come un calo prestativo può essere dovuto non ad un recupero non ottimale, ma ad un eccessivo carico globale dato dal sommarsi di più variabili.

supercompensazione_8lini

Il Total Training System prevede una gestione “personalizzata” dei range di frequenza cardiaca in allenamento tramite un test che valuta  i “giri” del motore di ogni biker e crea una tabella specifica (individualizzata).

I carichi di lavoro sono progressivi e graduali, e prevedono delle fasi di recupero e scarico al fine di sfruttare al massimo le risposte adattive del nostro organismo secondo il principio della supercompensazione.

Sentire il proprio fisico migliorare, capire quali sono le risposte a diversi stimoli e differenti carichi di lavoro è l’unico metodo per incrementare le proprie prestazioni ed al contempo prendere completa coscienza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, al fine di aver garantito un completo benessere psicofisico. 

Che ne pensate ?

Stavolta ci siamo davvero, Total Training System nella sua nuova edizione sarà disponibile a partire da domani.

Restate sintonizzati e nel frattempo i commenti a questo articolo sono i benvenuti ! 

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.
Michele Zanchin

Ultimi post di Michele Zanchin (vedi tutti)

2 commenti su “Imparare ad allenarsi e a conoscersi”

  1. Tienimi informato , ho una gara a fine settembre e ad agosto sono sicuro di potermi allenare con una certa frequenza.

I commenti sono chiusi.