Il fuorisella perfetto

Il fuorisella perfetto

RedBull TV mette fortunatamente a disposizione sul suo sito l’intero video del mondiale di MTB di Cross Country avvenuto in Sud Africa il dal 16 al 18 Marzo.

E’ un video che ho guardato più volte e penso che questo post possa essere solo uno dei due o tre post che ho in mente per commentare la gara.

Al di là della preparazione tecnica degli atleti che ovviamente é a livelli galattici ci sono alcuni passaggi dove i neofiti, ma anche i più esperti, possono imparare molto.

Uno di questi passaggi é quello che ho chiamato del “fuori sella perfetto” che da il titolo a questo post.

Ti invito a cliccare sull’immagine qui sotto per aprire la sequenza video in streaming ed andare al minuto 55:05.

L’atleta che per primo vedi nel video con il N°2 é Nino Schurter vincitore poi del mondiale.

Lo vedi come lui ed anche gli altri affrontano questa serie di sassi?

Posizione

Con le braccia a “pantografo” ed i pedali sullo stesso piano la posizione che questi atleti assumono é quella di un marcato fuorisella con il sedere sopra la ruota e la sella che tocca la pancia.

Non ti sembra la posizione di un gatto che si sta facendo le unghie?

Fuorisella

Frenata

Frenata modulare. Se vedi il video in più riprese puoi vedere come in vari momenti gli atleti lascino dapprima andare la bicicletta per poi riprenderla verso la fine.
In questo caso saper usare i freni è davvero fondamentale: le dita devono modulare la una forza variabile a seconda della posizione della ruota. Una discesa elegante prevede una velocità costante di esecuzione con l’assenza totale di sobbalzi e contraccolpi in modo che le ruote si adeguino in modo fluido al terreno.

Che ne pensi? Riesci anche tu a fare questo tipo di discese senza problema? Ormai dovresti saperlo. Ogni commento è graditissimo.

 

 

 

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.

2 commenti su “Il fuorisella perfetto”

  1. Ragazzi, un grazie davvero di cuore.
    Leggendo tutte le dispense che mi avete dato, anche quelle in omaggio, grazie..mi sono dato del pistola da solo. Uscivo in mtb poco mi importava di misure, sella dritta, ginocchio in asse, altezza sella, altezza piega ecc..mi bastava pedalare però, un giorno mi sono chiesto come mai tutti questi dolori e queste pulsazioni così alte? Così ho messo in pratica tutto quello che avete descritto, un’altro mondo, non mi sembrava vero più dolori di schiena,di ginocchia, di polsi,collo e pulsazioni più basse, e dire che sono un perfettino. Tengo la mia GT sempre controllata dopo ogni uscita. Che dire garzie 100000.
    Mi servirebbe un consiglio, adoro le gomme misura 26x 2.40 ant e 2.35 post. no tubless ma che gomme posso prendere per avere questi benefici:buon grip in discesa tra sassaiole e veloce compatto, ottima scorrevolezza sopratutto il post. robuste nei finchi (anti pizzicature). Attendo una vostra gentile risposta.
    Uscire in mtb ti svuota la mente ti rilassa sei al contatto con la natura, le gomme fanno contatto tra te e la terra, una sfida ogni uscita. Il terreno va capito altrimenti non perdona e sempre devi dare rispetto a chi è più forte di te.. qualche volta devi scendere e, con rispetto dire: oggi hai vintu tu.
    Ciao a tutti i veri appassionati.
    Massimiliano

  2. Fantastico Michele, troppo forte, troppo bello e tutto da imparare.
    A tutti piacerebbe riuscire a correre così, ma è fantastico anche solo provarci per divertisi.
    Grazie e buone pedalate a tutti.

I commenti sono chiusi.