Fat Bike

Fat bike: la rivoluzione cicciona

Fat bike sono le nuove biciclette “tuttofare”, dalla sabbia alla neve, ottime per terreni morbidi ma si stanno facendo strada anche sui terreni più classici.

Fat Bike
È difficile non notarle, soprattutto per le enormi gomme cosiddette “grasse”, ma non bisogna lasciarsi ingannare dalle dimensioni perché queste bici sono abbastanza leggere e quasi tutte le marche più importanti ne hanno una, come specialized, trek e kona.

Una fat bike è una bicicletta con pneumatici di dimensioni molto superiori, con cerchi più larghi di 44mm, progettati per la guida su terreni soffici.
Queste bici sono costruite con telai in alluminio e forcelle larghe per ospitare gli enormi cerchi.

Fat Bike: un po’ di storia

Le fat bikes inizialmente furono inventate per i sentieri innevati dell’ Alaska e, contemporaneamente, per i deserti del New Mexico. Il loro uso comprende neve, sabbia, deserto, paludi e fango, e si avvicinano sempre più al normale mountain bike.
La combinazione gomma e cerchio più larghi servono a massimizzare l’impronta sul tracciato, aumentando il galleggiamento su sentieri morbidi, rivoluzionando il ciclismo invernale e non solo.
Nel dicembre del 2012 Eric Larsen tentò di andare in fat bike al polo sud, nel 2013 ci furono tre spedizioni in bicicletta al polo sud, nel gennaio del 2014 Daniel P. Burton fu la prima persona che attraversò l’Antartide per arrivare al polo sud con una fat bike con pneumatici larghi 4,8 pollici.

Fat Bike: utilizzo

Trovarsi di fronte ad una fat bike è un’esperienza unica, all’apparenza può sembrare una bici “inutile”, ma quando l’inverno si fa rigidamente avanti, la neve fiocca sui sentieri e le uscite in mtb diventano solo un ricordo, allora l’idea di ribaltare la propria vita ciclistica permettendosi di “galleggiare” anche sulla neve, inizia a solleticare la mente e il desiderio di possedere una fat bike si accende.

Indossare il completo invernale e poter pedalare sugli stessi sentieri ma innevati o la grande trazione delle ruote “grasse” sono solo alcune delizie che possono consentire le ruote fat, oltre che arrivare in cima alla vetta, posta come traguardo, quando sotto le nostre ruote ci sono centimetri di neve è uno spettacolo da non perdere.
E se alla neve preferissimo la sabbia allora potremmo regalarci lunghe passeggiata sulla riva della nostra spiaggia preferita, e sicuramente non passeremo innosservati.

Ma fat bike non significa soltanto divertimento su neve o sabbia, grazie alla spalla corposa il diametro delle ruote può raggiungere i 29”, facendo si che all’occorrenza la nostra fat si trasformi in una normale 29er per percorrere i classici tracciati da mtb.

Esistono inoltre copertoni lisci o con piccole tassellature per trasformare la “cicciona” in una agile bici da città.

Fat Bike: una mountain bike per tutte le stagioni

Fat bike: caratteristiche tecniche

Il peso è importante per ogni tipo di bicicletta e le fat bike hanno in genere un telaio abbastanza leggero che viene progettato partendo dal parametro delle prestazioni e prendendo in considerazione le gomme di notevoli dimensioni, che danno l’illusione di pedalare una 29er. La forcella è generalmente in monoscocca ma sono state costruite anche fat bike con forcelle ammortizzate con circa 100mm di escursione e addirittura fat bike full suspension. I comandi della trasmissione sono quasi sempre di tipo gripshift cioè con la rotella per garantire il giusto grip e una cambiata precisa e veloce anche con i guanti antineve.
Ma fat non è per tutti divertimento e bellezza, c’è anche chi le critica, cercando un po’ in giro le principali critiche che vengono fuori sono: troppo lente in salita, meglio una XC; sul ghiaccio scivola troppo come una bici normale, meglio le ruote chiodate; su diversi centimetri di neve basta una bici da trial con gomme da fango; per tracciati tecnici è difficile da gestire, meglio la mtb da enduro e difficile da droppare, vista anche l’assenza di sospensioni. Alcuni affermano che per spendere tanti soldi meglio prendere una buona mtb da enduro.

Fat Bike: prezzi

I prezzi per le Fat Bike vanno dai mille euro in su in funzione del tipo di telaio e della presenza o meno di una forcella ammortizzata. Esistono anche le E-Bike Fat che sfiorano i cinquemila euro.

Fat Bike: conclusioni

Come sempre solo un test ci farà capire che feeling abbiamo con una Fat Bike, certo é che la diffusione a tutte le fiere di settore fa pensare che sempre più appassionati di bici potrebbero considerare seriamente l’acquisto di una bici divertente e adatta ad ogni tipo di terreno.

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.
7 commenti
  1. Avatar
    Cristian dice:

    Pensavo ad una cosa del genere e sono sicuro che con una fat bike ti puoi divertire sulla neve e sulla sabbia.Avendo du ruote cosi puoi andare dove vuoi anche se credo ci voglia molta energia,ma quest’ultima non ti manchera perché l emozione e l’adrenalina per nuove esperienza su questa particolare bici ti coinvolgera.

  2. Avatar
    marco dice:

    Bellissima discrizione, penso che i punti vendita si debbono organizzare per farle provare come test, il motivo che la spesa per una con caratteristiche ottime a del costo per cui va valutato bene , e per valutare va provata.
    Ciao e grazie

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] mio articolo Fat Bike: la rivoluzione cicciona é datato 22 Setembre 2014 ed e’ stato redatto dopo aver visto le prime fatbike a Expobici di […]

  2. […] molto creativo si è inventato le “gomme da sabbia” (Beh, in realtà, ho scoperto, sono nate per la neve, ma il concetto […]

  3. […] molto creativo si è inventato le “gomme da sabbia” (Beh, in realtà, ho scoperto, sono nate per la neve, ma il concetto […]

  4. […] questo punto sorge la domanda: la Fat Bike é stata una […]

I commenti sono chiusi.