DOWNHILL. Perchè provarlo e praticarlo?

DOWNHILL. Perchè provarlo e praticarlo?

Quando parliamo di downhill ci vengono in mente parole come adrenalina, velocità, salti (e qualcuno di voi sta già pensando a pericolo e follia).
Ma chi può in realtà praticare questo fantastico sport? La risposta è TUTTI; l’unico requisito è saper andare in bicicletta.

Ecco una bici da downhill con ruote da 20

un passaggio dei campionati MTB alla Montagnatta di San Siro a Milano
un passaggio dei campionati MTB alla Montagnatta di San Siro a Milano

[/caption]

Per il ciclista xc : mi è capitato di vedere in diversi bike park atleti del calibro di Marco Aurelio Fontana e la Nazionale XC tedesca. Perché questi atleti si allenano su piste downhill? Facile; perché anche nelle gare cross country si hanno spesso passaggi tecnici o con molta pendenza e i sentieri dei bike park sono i posti migliori dove allenare l’equilibrio e la tecnica di guida in discesa.

Un altro motivo è che in questo sport è richiesta una alta concentrazione dovuta all’alta velocità e agli ostacoli che si incontrano sul percorso; per questo è consigliatissimo per chi vuole migliorare la propia capacità sulla MTB.

 

 

 

Per chi vuole divertirsi stando in mezzo alla natura: per praticare questo sport bisogna recarsi nei luoghi di montagna e passare giornate intere tra i boschi. Se uniamo il fattore natura e paesaggi spettacolari all’adrenalina che si prova possiamo affermare che è un ottimo modo di svagarsi e scaricare lo stress accumulato durante la settimana; staccare la spina dalla routine quotidiana e sentirsi liberi.

Per chi ama la MTB a 360° : nel downhill un elemento fondamentale è il bilanciamento del peso ; questo porta a sentire la bici come un prolungamento del proprio corpo, che reagisce a ogni nostro movimento. Ogni spostamento che facciamo e posizione che assumiamo porta la bici ad assecondarci.

io nel 2013 mentre eseguo un Table. Quando si staccano le ruote da terra l'adrenalina sale al massimo e ci si sente davvero una cosa sola con la bici.

 

Per il ragazzo in cerca di adrenalina : come ogni sport estremo porta un’alta carica di adrenalina a chi lo pratica dovuta all’alta velocità ed agli ostacoli naturali come salti o radici che si affontano; per questo consiglio molto vivamente a chi ama le emozioni forti di provare qualche discesa.

Per chi vuole testare i propri limiti: il downhill ti porta a guidare sempre al limite delle tue possibilità e insegna che spesso è più facile superare le propie paure se non ci si ferma troppo a pensare (ad esempio le gradinate vanno affrontate con una velocità abbastanza elevata per evitare di incastrarsi con la ruota o con il movimento centrale e, per chi prova per la prima volta, non è facile superare la paura della velocità e lasciar correre la bici).

 

un esempo di north shore molto divertente e facile per principianti
(un esempio di north shore molto facile e divertente per principianti)

Diverse persone mi fanno la seguente domanda: Dove e come fare per provare?
In qualsiasi Bike Park troverete un noleggio bici dove potrete affittare l’attrezzatura adatta a questo sport (protezioni, casco integrale e bicicletta con un’escursione adatta). Vi consiglio di scegliere posti con molte piste tra cui scegliere    (soprattutto di livelli facili come blu e rosse) e con molte strutture (di solito all’inizio è più divertente saltare e fare curve spondate dove non è richiesta troppa capacità tecnica piuttosto che effettuare passaggi ripidi o molto sconnessi dove la sensazione iniziale è quella di perdere il controllo del mezzo).

 

Assieme al noleggio potrete trovate anche un servizio di guida; se non siete pratici del posto consiglio di usufruire del servizio perché è facile sbagliare e trovarsi in piste difficili e poco frequentate. Anche io, ormai agonista di alto livello da tre anni, preferisco avere un accompagnatore quando mi capita di essere da solo a provare tracciati nuovi in quanto c’è sempre il rischio di cadere e di avere bisogno di aiuto.
Spero che questa piccola spiegazione vi abbia convinto a provare il Downhill almeno una volta nella vita e di vedervi presto sulle piste; chi lo sa magari mi capiterà di fare da guida bike park anche a voi!

Edoardo Zella

 

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.
Michele Zanchin

Ultimi post di Michele Zanchin (vedi tutti)