Discesa estrema

Discesa estrema

Per affrontare una discesa estrema occorre seguire piccoli accorgimenti: piedi pari (quindi posizione di fuorisella), talloni bassi, con la sella all’altezza del torace, braccia leggermente flesse e sguardo avanti.

La nostra discesa estrema finirà quando la ruota posteriore ha finito il tratto ripido, quindi occorrerà poi ritornare in posizione corretta gradatamente in base alla pendenza del terreno.

Possiamo facilitare la discesa estrema oltre che con la corretta postura del corpo e del bilanciamento dei pesi, anche dosando adeguatamente l’utilizzo dei freni.

Le regole basilari sono quindi:
-Tieni piedi pari;
-Talloni bassi;
-Fuorisella accentuato, la sella a livello torace;
-Braccia leggermente flesse;
-Sguardo sempre avanti

Screenshot_2

Screenshot_3  Screenshot_5

Screenshot_6

TI E’ PIACIUTO IL VIDEO? LASCIA UN COMMENTO. MI SARA’ UTILE PER MIGLIORARE ANCORA

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.
Michele Zanchin

Ultimi post di Michele Zanchin (vedi tutti)

12 commenti su “Discesa estrema”

  1. spiegazioni sempre chiare
    con la mia front 29″ M ho visto che il fuori sella deve essere molto accentuato in caso di discese estreme e non è così facile gestire la bici se lungo il percorso trovi ostacoli
    invece con la full 27.5 M risulta molto più facile in quanto è meno estremizzato il fuori sella
    Inoltre mi è risultato molto utile e divertente poter guidare la full con la sella telescopica
    (che mi dicono sia da pivellino;) )

  2. Il fuorisella è troppo accentuato, in quella posizione, se alla fine del ripido trovi un ostacolo (pietra o affossamento), fai leva sulla ruota anteriore e ti cappotti in avanti senza riuscire ad assorbirla.
    La posizione dovrebbe essere più centrata e bisognerebbe lavorare di più con la distensione e flessione delle braccia.
    Ciao

  3. da far notare che esiste una bella differenza nell’ affrontare una discesa estrema, tra full e front, frenata con entrambi i freni solo nei tratti rettilinei, poi freno dietro che aiuta a girare la bici e velocità che non deve essere mai troppo bassa, come dice Simone la bici deve scorrere…

  4. Bel video ma quando lo devi fare di persona le cose cambiano è di molto. Direi di fare sempre prima delle prove con discese meno ripide.

  5. nulla di nuovo per chi pratica spesso, e cmq se freni con il freno anteriore ti schianti, dopo esserti ribaltato; la direzione la da sempre il freno posteriore

  6. Tutto molto chiaro, a vedere il video sembra quasi facile!!
    I miei dubbi vengono quando devo decidere la velocità con cui affrontare la discesa, forse non
    ho abbastanza esperienza. Esistono allenamenti specifici per le discese? Grazie.

  7. Potete darmi alcuni consigli sulla posizione e sulla tecnica da utilizzare in caso di terreno bagnato e fangoso ? Il gesto tecnico e lo stesso o cambia qualche dettaglio ?

  8. Ciao, io aggiungerei anche di far scorrere la bici, di non affrontare punti come quelli troppo lenti.
    Un saluto a tutti

  9. video molto utile,io ho notato che quando si scende nel ripido estremo o si scendono le scale ,se abbassi la sella ti avvantaggia di molto riesci a gestire meglio il baricentro,con la 26 in alluminio non avevo problemi invece con la 29 front in carbonio devo usare la chiave a brucola per abbassarla è molto scomodo,ci vorrebbe il reggisella telescopico.

I commenti sono chiusi.