Chiarire gli obiettivi e affrontare le difficoltà.

Chiarire gli obiettivi e affrontare le difficoltà.

Nell'articolo precedente abbiamo parlato della domanda guida , ovvero di come porsi le domande giuste possa cambiare l'ottica delle cose nell'allenamento e farci focalizzare verso i risultati che vogliamo raggiungere.

Oggi vorrei approfondire questo argomento, perché sono fermamente convinto che la mente e la forza degli obiettivi siano due elementi chiave che fanno la differenza tra un biker mediocre e un biker vincente.

Dunque abbiamo detto che spostare il focus sui risultati cambia il tuo piano di allenamento. E' evidente che devi avere un programma di allenamento basato sul tempo che hai a disposizione e come spiegato nell'ebook "Domina Ogni Terreno con la tua MTB" , deve essere  mirato a raggiungere determinati obiettivi, ma cosa succede se per qualche ragione non puoi seguire alla lettera il piano che ti eri prefissato?

Vuoi preparare una gara ma pensi di non riuscire a terminarla decentemente perché hai saltato qualche allenamento?

Ragiona in termini di priorità.

Mi spiego meglio: per avere dei risultati decenti ad una gara devi essere riposato, devi essere sereno, devi avere una buona forma fisica oltre che aver sviluppato un’ottima concentrazione.

Ecco quindi che se oggi non riesci a farti la tua bella ora di MTB perché prima di andare a dormire non ti studi  un pò principi di alimentazione o meglio ancora il percorso della gara?

Banale?

Mica tanto se pensi che la maggior parte di noi quando non riesce ad allenarsi passa la serata davanti alla TV sperando di avere notizie rassicuranti dalla politica.

Mi sono spiegato?

Rivediamo assieme.

  1. Lascia stare il ragionamento “cosa devo fare questa settimana?”
  2. Ragiona secondo “quali risultati voglio ottenere questa settimana”

 Ti faccio alcuni esempi di NON risultati, che rispondono alla domanda "COSA DEVO FARE" :

  • Eliminare il senso di stanchezza
  • Diminuire le calorie ingerite

Questi sono dei “NON risultati” perché non sono misurabili.

I risultati invece sono i seguenti, che rispodono alla domanda "QUALI RISULTATI VOGLIO OTTENERE" :

  • Dormire almeno 8 ore
  • Non ingerire più di 2.000 calorie al giorno. 

Per sfoltire gli impegni che ti allontano dall’allenamento prova a rispondere alle seguenti domande

  1. Questa attività mi aiuta ad avvicinarmi ai miei obiettivi personali, professionali, familiari, sportivi?
  2. Se questa attività mi aiuta ad avvicinarmi ai miei obiettivi posso considerare di delegarne una parte a qualcun altro o di farla in un modo creativo?
  3. Se questa attività non mi aiuta ad avvicinarmi ai miei obiettivi perché la faccio?

 Domande invece che possono aiutarti a focalizzarti sui risultati dell’allenamento possono essere:

  1. Di cosa ho bisogno per raggiungere questo risultato misurabile?
  2. Esiste un metodo diverso, magari creativo, di ottenere lo stesso risultato allo stesso modo?

Immagino che vuoi un paio di esempi, giusto? Ecco qua.

 All’inizio di quest’anno mi sono posto l’obiettivo di imparare il tedesco.

L’attività di frequentare un corso mi avvicina ai miei obiettivi? Certo.

Posso delegarla? No

Posso farla in modo creativo? Si, infatti faccio un corso via Skype con una insegnante madrelingua che mi costa meno e mi evita di perdere del tempo per raggiungere la sede del corso e questo tempo lo posso dedicare all’allenamento.

Secondo esempio:

Voglio raggiungere il peso di 75 Kg per essere più scattante.

Di cosa ho bisogno per raggiungere questo risultato misurabile? Di una dieta, peccato che ho delle cene di lavoro e non posso solo mangiare solo insalate scondite.

Esiste un metodo creativo per raggiungere questo risultato? Io mi sono comprato un pò di settimanali femminili e lì di diete ce ne sono sempre. Ho trovato una dieta a base di ananas da fare un giorno alla settimana che mi permette di “purificarmi” dalle sozzerie che ho mangiato il giorno prima ed il bello é che funziona.

Hai capito allora?

Cambia la tua domanda guida.

Chiarisci i tuoi obiettivi.

Affronta le difficoltà con creatività. 

E poi prendi la tua MTB e buon divertimento!

P.S. Attendo i tuo graditissimi commenti…

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.