Chi siamo

MICHELE ZANCHIN

classe 1976 e sono un grande appassionato di Mountain Bike da quando avevo 25 anni.

Per farti capire quanto mi sia andato in circolo questo sport devi pensare che ho girato l’Europa in bicicletta ed ho scritto la mia tesi di laurea sul cicloturismo.

Mi sono avvicinato al mondo della MTB grazie a moglie che quando é in forma mi fa mangiare la polvere. Io nei suoi confronti me la cavo solo perché sono un pò più spericolato 😉

Oggi il mio approccio alla MTB ed all’allenamento è di tipo scientifico perché mi trovo sempre nella difficoltà di coniugare la passione per la bici con gli impegni lavorativi e la famiglia.

Consapevole che le difficoltà che incontro io nell’allenarmi sono comuni a molti di noi ho deciso di condividere le soluzioni che ho trovato in questo Blog.

Ecco quindi che questo Blog non parla di me, ma parla di noi: il popolo della Mountain Bike.

Quel popolo di matti che si sveglia alla domenica mattina presto per stare un pò in compagnia della Natura.

Non cercare in questo sito troppi dettagli tecnici, o le ultime novità e notizie, per quelle ci sono decine di ottimi siti specializzati.

Qui parleremo di fango, discese, salite, adrenalina e sudore ed in particolare di come coniugare questi “strani” amici al nostro mestiere di lavoratori, mariti e padri.

Tutto questo per divertirci sempre di più sulle nostre ruote grasse!

buon divertimento!

Michele

Saverio OttoliniSAVERIO OTTOLINI

Preparatore atletico, specializzato in valutazione funzionale, fisiologia sportiva e recupero funzionale motorio, è il coach ufficiale di MTB Passione.com per i progetti Rockmaster e Formula Sedici, i sistemi di preparazione online che negli ultimi tre anni sono divenuti un punto di riferimento importante per centinaia di biker.

http://www.sportattitude.it/

 

DOTTORESSA CLAUDIA MAFFI

Laureata in Psicologia dello Sport, la dottoressa Maffi cura per MTB PASSIONE i percorsi di crescita atletica legati al mondo del training.

Da sempre sui campi di gara conosce profondamente la materia. Nella vita di tutti i giorni si occupa di consulenza, mental training, sostegno psicologico e motivazionale per atleti ma anche per non sportivi che desiderano stare bene con sé stessi e trovare maggior serenità ed equilibrio.
http://www.claudiamaffi.it

 

NICOLO’ MINETTI

Nicolò MinettiGiovanissimo ma con una grande passione per la MTB per la sua maturità ha realizzato una tesina sulla Mountain Bike prendendo spunto dagli articoli di MTB Passione.

Da allora collabora con il sito per la realizzazione degli articoli tecnici.

Il suo grande amore é l’ENDURO.

ALESSANDRO IPPOLITO

Socio fondatore della Torino Bike Academy e’ il consulente tecnico di MTB Passione per le novità di settore e per la tecnica di guida.

EDOARDO ZELLA

Classe 1994 è l’elemento “extreme” dello staff.

Tra gli studi di economia e il lavoro passa gran parte del suo tempo tra bike park, pump track e campi dirt-slopestyle.

Oltre agli allenamenti e alle gare fa spesso da istruttore downhill e guida bike park.
Espertissimo nel campo delle novità e di tutto il settore mtb.
Per gli amici è IL MANETTA.

22 commenti su “Chi siamo”

  1. ….ciao ….anch'io ho acquistato mtb performance drive 2013 con carta di credito e forse per un mio errore non sono passato sulla pagina giusta per scaricare il link.

    Vorrei sapere quindi come fare per poterlo avere.Ho già mandato un email ma non ho ricevuto ancora risposta!  Grazie

  2. Ciao Michele, ho acquistato due mesi fa la mia prima MTB, una fantastica 29 e sono felicissimo, dopo un piccolo rodaggio su asfalto ora vado soltanto su sterrati e mi avventuro su percorsi fatti da altri birers che trovo sul sito mtb-forum. Ho un problema però, nonostante la stampa delle mappe non riesco, a volte, a trovare la pista consigliata e sono costretto al rientro, per non perdermi nei boschi. La domanda é: quanto può aiutarti un gps cartografico o se invece esistono altre soluzioni più economiche. Nello specifico chiedo se con l'acquisto di un gps cartografico, nel caso di scomparsa e/o inesistenza del sentiero o delle piste (percorsi "liberi"), il gps riesce comunque a darti le giuste indicazioni sul percorso che hai scaricato? Ho acquistato il VS "Domina ogni terreno" e lo ritengo molto utile. Grazie per il consiglio che sicuramente mi darai.

  3. Ciao Michele , sono Benedetto da oltre 2 mesi non ricevo più vostre notizie poichè mi hanno bloccato la mia vecchia e-mail che era conteben@live.it, non sono riuscito più ad averla , quindi ne ho dovuta fare un'altra che è : bennyriso@hotmail.com , Ti ringrazio se continui a mandare le notizie su questa nuova mail .

    Un caro saluto,

    Benedetto

  4. Ciao Michele,  non so se è arrivato gia' il mio messaggio incompleto. Complimenti innanzitutto per il sito e per l'e-book che presto acquistero'. Posso chiederti un tuo parere?

    Sono Giorgio di Fermo e vado in mtb da 4 anni. Non in maniera assidua. Non vado velocissimo, ma non ho nemmeno grossi problemi di gamba o di fiato. Sono alto 1,77 cm e peso 75/76 chilogrammi.

    Nell'ultimo semestre sono uscito abbastanza saltuariamente. 

    Ho fatto pero' anche dei giri lunghi, anche di oltre le 5 ore comprese le soste senza alcun problema come il 16 maggio scorso .

    Nel mese di giugno sono uscito 1 volta agli inizi, poi sono uscito venerdi scorso per 2 ore circa e domenica scorsa per altre 3 ore effettive. Non sono un sedentario, vivo e lavoro in campagna e sono appena tornato da un trekking a piedi di 7 giorni. Domenica scorsa ho avuto, per la seconda volta in un anno lo stesso identico problema, ossia un dolore sotto la costola destra dall'inizio alla fine del giro(presumo fegato). La tipologia del percorso era  la stessa dell'anno passato ossia una lunga salita seguita poi da una lunga discesa. Una volta che mi siedo a tavola alla fine del giro per mangiare il dolore passa dal fegato allo stomaco. Non ho molto appetito ma non problemi di nausea. Quindi mangio ugualmente senza esagerare. Non posso assolutamente bere bevande fredde. Per star molto meglio solo  acqua molto calda e stare disteso sul letto. Dopo svariate ore, (domenica scorsa alle ore 23 ) il dolore scompare definitivamente. Ho letto su internet che sia il dolore al fegato che allo stomaco sono frequenti tra i ciclisti. Quello dalla parte del fegato non è detto che sia legato al fegato, ma potrebbe essere la cistifellea o al diaframma. Non ci sono certezze, a quanto pare.  Mentre per il dolore allo stomaco, se legato alla disidratazione dovrebbe scomparire non appena uno beve, presumo. Invece no, ad eccezione delle bevande molto calde. Poi, dopo un po, naturalmente ritorna. Come gia' detto non capita spesso. Pero' è molto fastidioso. Hai qualche consiglio da darmi? A chi rivolgermi? Grazie infinite per la tua risposta. 

    Saluti,

    Giorgio

     

  5. ciao ho acquistato la settimana scorsa il programma di allenamento pagando con paypal , ma non ho ricevuto il link per scaricare 

    Ho mandato una mail a michele ma non ho avuto risposta

    Ernesto

  6. ciao mi chiamo franco di napoli settimana scorsa  ho cacquistato da voi per 67 euro con carta di credito aspettavo spedizione via posta ma non ho ricevuto nulla hai notizie

    grazie

    franco

  7. Ciao Michele , sono un pedalatore e consigliere della A.S.D. CuneoBike , società affiliata alla Lega Ciclismo UISP Brà , abbiamo in calendario nel campionato regionale Piemontese due gare che organizziamo noi, nella 6 , in programma Domenica 28 Luglio a Prarostino (TO) abbiamo l’intenzione di devolvere una quota raccolta tra gli iscritti per la “causa Duchenne” , se avete dei materiali da inviarci, anche il loghi ufficiali per poterli inserire nel volantino che stiamo preparando.
    Per momento ti ringrazio a presto,
    ti lascio il mio indirizzo …….
    Marco Miretti Via Fornace 1 12032 Barge (Cn)

  8. Salve sono un appasionato di MTB,da un pò di tempo ho coincialito la passione al mio lavoro-
    Ho difatti un b&b a Nicolosi (ai piedi del vulcano Etna)dove da qualche anno organizzo ai turisti che ospito delle passegiate tra i sentieri del vulcano.L’entusiasmo delle persone mi ha fatoo pensare a divulgare la mtb e le passeggiate sull’Etna.
    Quello che mi interessa sapere da voi, se all’interno del vostro portale,sarebbe possibile inserire della comunicazione publicità.
    Mi sembra di aver notato che all’interno del vostro sito non vi sono delle strutture recettive che organizzano pacchetti con pernotto e passeggiate.
    L’ho escudete a priori?

    Aspetto vostre notizie

    Grazie

    Andrea Caruso
    Villa Caterina
    349-6639842

  9. Parlando con alcuni amici che sono passati al 29, sembrerebbe che uno degli inconvenienti maggiori (soprattutto in gara), sia quello che la ruota anteriore "spara" sassate terrificanti sulle tibie. Ho visto con i miei occhi le ferite. A voi risulta qualche cosa di simile?
    Saluti.
    Gianpaolo

  10. Ciao sono un fisioterapista,appassionato di Mtb,se vuoi potresti aprire una rubrica riguardo gli infortuni in mtb e che tratti le principali patologie traumatologiche e non,con domande e risposte da parte degli utenti/lettori, io sarei disponibile a darti una mano….a titolo gratuito naturalmente.
    Ciao

  11. Ciao Michele, seguo sempre volentieri i tuoi articoli che trovo interessanti. Tuttavia mi è accaduto un episodio spiacevole, e avrei bisogno di un tuo consiglio. Da qualche giorno mi hanno rubato la bicicletta. Ad essa avevo aggiunto il contachilometri. Che tu sappia esiste un modo per rintracciare la bici attraverso il trasmettitore di velocità? Cosa fare in questi casi? Grazie, Katia.

  12. Ciao Michele le poche righe ke ho letto mi hanno subito entusiasmato e vorrei comprare il tuo manuale sulle tecniche di guida di Mtb .Anch'io come te'sono uno di quei matti ke tutte le domenike mattina si alza presto per pedalare su e giù x le colline romagnole(con qualsiasi tempo) in compagnia dei miei amici Faccio parte di un gruppo Il Barcollo ma non mollo.E come tutte le domenike in discesa siamo sempre in competizione(amichevole) e voglio competere sempre con ragazzi molto più giovani di me'(compio i 57 ma fisicamente sono in forma) Ma purtroppo come ogni Santa domenica caccio delle gran mine e arrivo a casa malmesso .Figurati mia moglie non vuole sentire lamentele.
     i miei amici mi prendono sempre in mezzo (ora esco con tutte le protezioni possibil immaginabili) ma non mollo in discesa do' sempre tutto sono migliorato ma non riesco come vorrei ,avrei bisogno anzi mi piacerebbe fare un corso di tecnica di guida con uno come te'(fammi sapere se e' possibile) 
    Intanto potresti mandarmi il tuo manuale a 
    Shampoo parrucchieri 
    via Appia 72 Imola 40026 ( bo) 
    pago in contrassegno
    ciao un abbraccio (da uno ke respira la natura e vive la Mtb)

    • Ciao Francesco, devo dire solo una cosa: sei un grande! Mi piacerebbe poterti aiutare ma sono straimpegnato con lavoro e famiglia. Il manuale nasce tra le altre cose per poter insegnare come conciliare le due cose. E’ possibile che più avanti riesca ad organizzarmi per tenere delle giornate di tecnica di guida ma é una cosa a cui sto solo pensando. Se hai necessità ti consiglio di contattare qualche guida di MTB. Grazie e aspetto tue novità. A proposito….il manuale é solo in formato elettronico PDF e questo per poterlo aggiornare all’infinito. Una volta che hai il file lo puoi stampare tranquillamente. Abbiamo fatto così per poter dare agli amici che ci seguono come te gli aggiornamenti gratuiti a vita. Grazie ancora e Ciao.

  13. Ciao Michele, anche io mi sono trovato su queste pagine per caso, dovendo scegliere se uscire in mtb o rimanere in casa aiutando mia moglie (l'aiuto consiste nel far addormentare il piccolo e quindi permetterle di fare le sue cose  di casa)… finalmente il piccolo si è addormentato in braccio e quindi ho passato il mio tempo sfogliando e leggendo i tuoi blog, fino al punto di decidermi a spendere i 27 € e comprare il materiale che proponi…e… per oggi addio all'uscita in mtb!!!
    Sono un biker da diverso tempo ma purtroppo a causa del poco tempo (lavoro e famiglia) non riesco a sfruttare il mio poco tempo al meglio, per questo ho trovato interessantissimo il tuo sito… Quando invece il mio lavoro mi porta fuori casa per lunghi periodi (sono trasfertista), la mia Giant Trance mi segue ovunque (ora sono a  Marsiglia), e al di fuori degli impegni di lavoro occupo qualsiasi minuto del mio tempo a questa passione, solo così la testa è un po' più lontana dalle "nostalgie" di casa e soprattutto dai miei 2 piccolini….
    Per ora non ho niente da chiderti in merito all'argomento, volevo solo complimentarmi per il Tuo (Vostro)  lavoro svolto…. molto bello e fatto bene e soprattutto utile
    Ciao David

    • Ciao David, ti capisco molto bene perché anch’io ho una bimba di 3 anni, una moglie che lavora e sono Responsabile Commerciale pertanto sono spesso in trasferta. Praticare MTB é difficile ma non impossibile. Davide mi ha insegnato come creare delle sessioni di allenamento in virtù del tempo a disposizione. Poi il tutto lavoro che ne é uscito é stato ottimizato per noi biker che certamente non abbiamo la fortuna degli stradisti di avere i nostri tracciati ideali sotto casa. Tieni duro ma soprattutto fatti il regalo di almeno un paio di uscite “strong” al mese. Forse il fisico non migliorerà, ma la mente ne trarrà sicuramente benefici. Continua a seguirci….ma fallo solo alla sera, le giornate vanno spese in bici e non davanti al PC. Un caro abbraccio!

  14. Ciao Michele, come promesso eccomi anche io qui, in questo nuovo spazio … che dire ? Condivido appieno ogni parola scritta nella presentazione (compreso le vorgole  eheheh) , metto il sito fra i miei preferiti così sarò aggiornato.
    Ti rinnovo anche qui la mia disponibilità e in bocca al lupo per questa nuova avventura (son quello del vaso di Pandora 🙂  ) .
    Auguri di Buon Anno a te e a tutti gli amici che ci leggono e condividono questa passione;  a presto.
    Filippo.

  15. Ciao scusa se uso questo spazio per chiederti una cosa non attinente alla sezione ieri ho effetuato il pagamento del manuale domina ogni terreno con la tua Mountain Bike ma alla fine della procedura si è fermato tutto e non mi è apparso il link del download cosa posso fare grazie e ancora scusa per l'intromissione 

  16. Che dire mi sono imbattuto nel tuo blog per caso, e ci sono rimasto per delle ore….. mi sono letto molti post, e non posso che farti i miei complimenti! 
    Per ora non ho consigli da chiederti, anche perchè prima di riprendere con gli allenamenti devo riprendere l'articolazione della spalla, che mi è stata operata ad inizio Novembre, è stato un intervento lungo ed in questi giorni di vacanza ne approfitto per far girare un pò le gambe in compagnia dei miei due cuccioli ….. 
    Di me ti posso dire che la motivazione che mi ha fatto scrivere sul tuo blog, la trovi sul sito che ho fatto per la nostra squadra http://www.testematte.org e si chiama passione per questo mondo. Dico di proposito mondo, perchè ritengo che la MTB sia molto di più di "esclusivo agonismo", perchè in questo nostro mondo convergono amici fatica natura …. a volte dolore, ma è ancora un "mondo" sincero dove non si inventa nulla se non delle Avventure eccezzionali con delle compagnie eccezzionali !
    Complimenti continua così.
    Auguri sinceri di buon anno.
     
    Alfio

  17. come posso verificare se la taglia del mio telaio è esatta per me….perchè inizio a credere che sia un pò troppo piccola! ho una cube ltd race 2008 tgl18 ed io sono alto 182cm…se ti serve qualcos'altro dimmi pure.
    grazie mille
    greg

    • Allora possiamo partire dall’unico dato che conosciamo: la tua altezza di 1820mm
      Diciamo che tra i 1800mm e 1850mm di altezza sarebbe indicato un 20/21″, il 18/19″ è indicato invece per un’altezza tra i 1750mm e i 1800mm.
      Per cui secondo il mio modesto parere Greg ha ragione di dubitare sulla sua taglia…
      Sarebbe interessante capire anche a che altezza di sella pedala… Avrà uno svettamento di sella “esagerato” e credo così di primo acchito che per distendere ulteriormente la gamba abbia portato tutta la sella indietro (a fine corsa carrello per capirci).

      Sicuramente, ma non avendo le misure è solo un’ipotesi, sarà corto anche sull’asse longitudinale della mtb…

      Con le pochissime notizie a disposizione è difficilissimo valutare il tutto, ma resto convinto che il telaio sia piccolo…

Lascia un commento