Allenamento MTB: quello che noi intendiamo

Birdwatching NON E' Mountain Bike 😉

In questo periodo dell’anno capita di vedere correre diverse persone nelle ore serali complici le giornate più lunghe e la voglia di mettersi in forma per l’estate.

La scorsa sera mentre tornavo dal lavoro l’occhio mi è caduto su un ragazzo con un fisico “normale” che era davvero sgraziato nel correre. Un vero e proprio sacco di patate con le gambe.

Il pensiero che ho avuto è stato: questo ragazzo odierà ogni metro della corsa che sta facendo per mettersi un po’ in forma. Non solo: tornerà a casa frustrato e farà di tutto domani per inventarsi qualche impegno per non correre.

Perché ho aperto questo post con questa introduzione?

Perché oggi mi arriva una email da Giuliano di Parma che mi scrive:

"Caro Michele, nel tuo blog si parla poco di passione e molto di allenamento. Io penso che tu abbia sbagliato il nome. Dovevi chiamarlo MTB Allenamento, (ah ah ah). Cosa c’entra la passione con gli articoli che scrivi? Tra l’altro penso che siate anche degli sbruffoni: adesso proponete anche il Total Training System scritto da preparatore professionista. Ma pensate che i biker vogliano tutti competere? Ma chi idea vi siete fatti? Io sono appassionato di MTB da vari anni però per me MTB significa libertà e stare a contatto con la natura. Io non voglio gareggiare e non voglio arrivare primo. A me basta una bella boccata d’aria e sentire i suoni della natura. Pertanto ti prego di togliere il mio nome dalla tua newsletter che mi intasa solo la casella di posta elettronica”.

Rispondo cortesemente a Giuliano ma anche a tutti quelli che mi scrivono e-mail di questo genere: andare in Mountain Bike, anche solo per cicloturismo comporta fatica, meno sei preparato, più farai fatica e meno sarà il tuo divertimento.

Lo scopo di MTB Passione è quello di fornire informazioni in grado di aumentare il grado di soddisfazione di chi pratica Mountain Bike ma a differenza di quanto sostiene Giuliano, le risorse e i prodotti che proponiamo non sono dedicati solo ai biker che vogliono fare competizioni.

MTB Passione è un sito dedicato alla crescita dei biker, indipendentemente da livello ed ambizioni.

Anch’io traggo piacere quando sono in mezzo alla natura, ci mancherebbe. Ma un piacere ancora più grande ce l’ho quando grazie all’allenamento riesco a salire una cima che non avevo mai fatto o quando grazie alla tecnica riesco a fare dei single track che prima non ero in grado di fare.

La cosa più bella è tornare a casa stanchi e svegliarsi il giorno dopo come se nulla avesse affaticato il mio fisico perché grazie all’allenamento ho migliorato il mio recupero psico-fisico.

Ed è prorio nell'ottica di insegnare un sistema di allenamento completo e graduale, che abbiamo creato Total Training System, avvalendoci della collaborazione di un preparatore atletico competente ed esperto come Saverio Ottolini.

Concludo: se intendi la MTB come la intendo io ti assicuro che farò del mio meglio per cercare di darti sempre le informazioni migliori per aumentare la tua gratificazione in Mountain Bike.

Tu come intendi l’allenamento in MTB? Come me o come Giuliano?

Ogni commento é ben gradito

P.S. Ti ricordo che puoi iniziare il tuo programma di allenamento con Total Training System, con l'offerta lancio ma solo fino al 15 Maggio. 
Scopri tutti i dettagli cliccando qui.

The following two tabs change content below.
Michele Zanchin

Michele Zanchin

Classe 1976, sono un grande appassionato di Mountain Bike da oltre un quarto di secolo. Sono papà di due bellissime bambine, marito e manager. Mi piace il mondo della MTB con un particolare sguardo agli aspetti tecnici senza tuttavia esagerare. Gli articoli che troverai sono frutto di ricerche personali e di consulenze con affermati professionisti. Se lasci la tua email potrai ricevere newsletter con consigli da un appassionato come te.

21 commenti su “Allenamento MTB: quello che noi intendiamo”

  1. Noi siamo per la piena libertà di pedalare 🙂 Magari il ragazzo faceva apposta perché si sentiva osservato… si scherza!
    Il mondo MTB è fantastico, articolato e ben popolato di sportivi di ogni genere. L'importante è che ciascuno di noi si diverta, in sella e magari anche in officina!

  2. Sono d'accordo…bisogna avere rispetto x tutti e per tutto quello che viene fatto…ognuno di noi deve fare tesoro delle esperienze degl'altri e adattarle al proprio modo di affrontare la "passione" della MTB…dico passione perchè se non c'è quella …poche o tante che siano le ore o le escursioni..non serve a niente..per cui ci stà il giusto compromesso di poter capire le tecniche e i modi di poter affrontare percorsi sia a livello naturistico che con quel giusto impegno agonistico…o meglio…i confrontarti con te stesso nel raggiungere degli obiettivi o luoghi particolari o impensati dai …non appassionati…..ma ribadisco sta sempre ad ognuno di noi decidere come usare e far tesoro delle esperienze degl'altri….trovo interessante, invece , il consiglio di allargare le in formazioni nel sito su percorsi, mappature, esperienze…quello fà sempre piacere …IMPORTANTE….quando si sale in MTB bisogna x 1° divertirsi…con tecnica e passione….IO ho 57 anni ..pedalo da + di 20 anni, prima ho fatto altre esperienze sportive iniziate dall'età di 12 anni…..alterno le uscite in MTB alla pratica dello SpinBike 3 x settimana d'inverno alternata a 1 uscita settimanale tempo permettendo….dalla primavera inverto il più possibile il rapporto dell'impegno…..questo perchè oltre il mezzo MTB (io ho una TREK 9.8 in carbonio)anche noi fisicamente dobbiamo essere in buona "efficienza"….

  3. Caro Michele stai facendo un buon lavoro…forse troppo…penso che ci sia una incomprensione e che l'incomprensione nasca dal fatto che michele propone di coltivare la passione con la ragione. sebbene per molti siano due cose da usare in momenti diversi es. lavoro/ragione, svago/passione, in realtà l'una è il nutrimento dell'altra nel momento in cui le due cose coincidono o ,per felicità, dovrebbero coincidere…o l'una può essere anche distruzione dell'altra… quello che so é mai cercare di ridurre alla ragione un appassionato,specialmente se a pagamento…

  4. Buon giorno a tutti!! sono Massimo, il maestro mountain bike che assieme a Michele ha progettato ed ideato il video corso di tecnica. Non parlo da collaboratore di MTBPASSIONE ora, ma da vero appassionato come tutti voi.Qualsiasi sport, per essere praticato a tutti i livelli (dal più blando al più competitivo) ha bisogno di allenamento e di tecniche specifiche! il risultato che si ottiene è meno fatica e più divertimento nel farlo, non rischiando assolutamente così di farsi del male sia fisico che mentale. Una persona può dare dei giudizi personali, ma non può offendere il lavoro altrui per nessun motivo. Questo in tutto: lavoro, sentimenti e vita privata, ritengo che si tratti anche di educazione verso il prossimo. Buone pedalate a tutti e W LA VITA!!!!

  5. ho fatto diversi commenti ma non credo di aver toccato argomenti interessanti come quello relativo al mio problema, un intoppo cardiaco a gennaio 2010, sono stato miracolato e con un' angioplastica rimesso in piedi. Ho chiesto più volte di trattare argomenti che interessino anche l'attività ciclistica per persone come me non più "integre" ma vi siete guardati bene di rispondere. Mi associo a quanto osservato dal lettore che dice " ma la passione dov'è ?" ….. la mia è passione faccio circa 10000 km l'anno più o meno forte e senza voler per forza figurare come un professionista. Ho praticato ciclismo agonistico fino a 18 anni con risultati modesti ed ora, io come tanti, non possiamo illuderci di essere diventati dei fenomeni o di diventarlo …. Rilassatevi anche voi e godetevi la bicicletta con qualche "scatto" qualche "tirata" o qualche giro lungo ma senza pensare di dover competere a tutti i costi snobbando quelli che non potranno mai farlo …. Buone pedalate a tutti 

    Valentino 57 anni – infartuato (senza apparenti fattori di rischio e a causa stress così mi hanno detto)

  6. Lui ha sbagliato i modi per dirtelo e bastava che si cancellasse dalla newsletter senza tante menate daltro canto con tutto il rispetto tu non sei nessuno per dire agli altri cosa vuol dire andare in mountain bike e e come ha giustamente sottolineato tu hai difeso il tuo lavoro e come tale lo vivi ccomunque in un altra maniera rispetto ad un appassionato.Quando ci sono in mezzo dei soldi non si può parlare solo di passione

  7. ciao a tutti o letto i vs commenti, tutti molto interessanti, io cmq credo che l'importante sia divertirsi,  che si corra a piedi o si vada in mtb ,  detto da me che corro a piedi  maratone per intenderci, credo     sia importante  distinguere  una passione da  un mettersi in forma….. nn credete?

  8. La verità non stà nel mezzo, come scrive qualcuno.
    E' di tutta evidenza che Giuliano ha sbagliato perchè ha usato frasi grauitamente offensive, condite da una risatina (ah ah ah) di compiacimenrto e di sberleffo.

    Io penso che come ognuno è libero di interpretare la MTB nel modo che più gli è congeniale così ognuno è libero di creare un sito e di dargli il nome ed il contenuto che crede.
     

    Come Giuliano ha deciso liberamento di fornire la propria mail al sito così può liberamente cancellarsi ma ciò senza avere nè il diritto nè la libertà di offendere gli altri.
    E' una questione di rispetto.

    Io appartengo alla categoria dei cicloturisti e quindi a quella di Giuliano.

    Lo stile del sito mai è stato di sberleffo per la mia categoria anzi l'ho sempre apprezzato proprio perchè mi ha invogliato a migliorare e, visto quanto ho letto, ho ragione per il futuro di apprezzarlo ancora di più.

  9. Ciao Michele,

    credo che la tua reazione sia legittima. Dopotutto anche la tv da programmi che non piacciono o non interessano ma basta cambiare canale. E ancor meglio si può non entrare in un sito che non piace. Da parte mia in tanti anni di mtb sono passato dal neofita che ha fatto la sua prima Rampilonga in 6 ore e con la maglietta di cotone ! (era però il '92, 1992 non il 1892!!) a oggi che per puro piacere di praticare mtb con gli amici mi sono iscritto per la Duchenne, che ovviamente come tu ben sai non è solo fare mtb, anzi…… Penso quindi che la migliore soddisfazione per tutti sia quella di praticare uno sport gratificante, fisicamente e mentalmente, ma solo se hai adattato il tuo fisico a questa pratica. Certo che le prime volte fai uscite per il puro piacere di "provare" a stare su un sentiero, uno sterrato, salire e scendere un colle e se fai 20 km ti senti soddisfatto anche se hai visto "la madonna", ma dopo, o smetti o ti alleni a farne 25 di km e poi 30 eccc… Forse anche qualche gara ci sta, oppure vai per vedere posti nuovi in mezzo alla natura, in qualche cima dolomitica. Ma se non adatti il tuo organismo, con un allenamento, la  fatica non  permetterà neanche di vedere cosa ti sta attorno. Ben vengano allora trainer che ci danno spunti o metodologie allenanti e chi vuole sceglie ancora di usare i v-brake oppure i freni a disco, scelta sua.

    Ciao, Massimo.

  10. Ciao,
    non sono solito commentare, in generale, quando si tratta di affermazioni altrui.
    Questa volta però, solo per alimentare un po' di sano confronto, sento di dover dire la mia.
    Premetto che io sono in una situazione molto particolare: a 35 anni mi sono ricordato che da ragazzino, e fino a circa 20 anni, ero una forza della natura con la bicicletta, osavo contro ogni legge della fisica.
    A distanza di 15 anni, quindi, dopo aver smesso qualsiasi attività fisica, mi son deciso e ho acquistato una MTB anche decente (senza fare pubblicità a qualcuno, ho comprato una bici da 1500 euro, insomma non un rottame ma neanche un mezzo da sogno… una buona entry level, insomma!
    Bici ritirata il sabato mattina, il sabato pomeriggio…via con gli amici per salire su nel bosco. Secondo voi al bosco ci sono mai arrivato?
    Ovviamente no!
    La motivazione è ovviamente la totale mancanza di allenamento: come potevo pensare che dopo 15 anni sarebbe stata la stessa cosa? 
    Oltre al fatto che capii subito che era il caso di iniziare un mio piano di miglioramento della forma fisica, mi resi conto di come le cose erano completamente cambiate: dov'era finito tutto il mio coraggio? La mia tecnica? 
    La situazione particolare di cui parlavo è quella di un "ragazzo" di 35 anni che scopre il gusto della scommessa sul proprio fisico: scommettiamo che nel giro di sei mesi mi metterò in condizione di affrontare una gara di cross country?
    Ebbene, udite udite, con moltissimi sforzi, con il giusto allenamento, la giusta alimentazione, l'imporre uno stop definitivo ed immediato al vizio del fumo…. insomma tanta buona volontà… ce l'ho fatta! Ho vinto la mia scommessa! Certo, non posso presentarmi in una tappa del mondiale (ne' potrei mai pensare di farlo!!!) ma SOLO GRAZIE ALL'ALLENAMENTO oggi riesco non solo a salire nel bosco e ad affrontare dislivelli impegnativi in salita, ma riesco anche a scendere di nuovo a valle! E ho partecipato alla mia prima gara senza arrivare ultimo!!! Questo significa che, oltre allo sblocco psicologico che sicuramente è intervenuto da quando ho ripreso confidenza con la MTB, l'allenamento quindi deve essere servito per forza a qualcosa.
    Quindi, fino a questo punto, concordo perfettamente con MTB Passione.
    Mi trovo invece in disaccordo quando MTB Passione scrive che la mountain bike è una disciplina olimpica…d'accordo, ma se penso che al nuotatore che in modo rilassato fa un po' di vasche in piscina (e il nuoto è una disciplina olimpica), sta nuotando o sta semplicemente galleggiando? O si sta rinfescando in una giornata afosa?
    Per me sta nuotando e, esattamente per lo stesso motivo, chi va in mountain bike per vedere quanto cambia la vegetazione man mano che la quota altimetrica aumenta oppure per fare bird watching, sta pur sempre facendo mountain bike.
    Insomma, non è l'approccio esclusivamente "agonistico" che deve, a mio modestissimo parere, caratterizzare uno sport o uno sportivo. O almeno, non dovrebbe caratterizzarlo così tanto.
    Certamente, per il divertimento e la sicurezza di tutti i bikers un buon allenamento di base è fondamentale, così come la conoscenza dei propri limiti per non strafare mai (ma questo è un altro discorso).
    Infine, devo fare i miei complimenti ai ragazzi che curano questa iniziativa di MTB Passione (giuro, non li conosco!!!), in fin dei conti hanno un eccellente desiderio di condivisione di una "passione" e, se poi questa passione può anche far guadagnare qualcosina che ben venga.
    Non ci vedo davvero nulla di male e non comprendo chiunque cerchi di demotivare queste belle iniziative o di denigrarne gli autori.
    Per quanto mi riguarda, anche se non si può sempre condividere quello che uno scrive, continuerò a seguirli volentieri.
    W la MTB!

    Luca

  11. Beh, anch'io all'inizio ho interpretato questo sito come l'iniziativa di un appassionato che, tra impegni di famiglia, lavoro ecc., non voleva comunque perdere il gusto della mtb. Però forse all'inizio l'idea era quella di una attività amatoriale dove, con i giusti consigli anche di esperti, si voleva evitare spiacevoli inconvenienti tecnici e fisici per ignoranza o luoghi comuni.

    Forse adesso sbeffeggiare chi non ha velleità "garesche" non mi sembra costruttivo. Io faccio cicloturismo con una mtb, e non è detto che non occorra la giusta preparazione fisica o allenamento. Le mie uscite di due o tre ore con rientro a casa nell'arco della stessa giornata possono essere altrettanto performanti e migliorabili.

    Magari un pò più di onestà intellettuale non guasterebbe….non c'è niente di male se dietro a questa dichiarata passione che questo sito si prefigge ci possa essere anche l'idea che sia una piccola attività imprenditoriale.

    saluti a tutti

     

  12. Salve mi chiamo Domenico sono d'accordo con te  al cento per cento caro Michele dopo una bella preparazione uscire in mtb ed riuscire ad raggiungere gli obbiettivi che si era prefissati e davvero una cosa  indescrivibile  Giuliano deve uscire in bicicletta non in mtb io penso che lui non sappia cosa significa e che sensazione si prova a  scollinare dopo una bella salita fatta ad un ritmo che solo con la preparazione che voi ci aiutate ad ottenere con i vostri consigli e con il vostro aiuto, grazie della vostra esistenza continuate ad aiutare  coloro che non sanno cosa  significa ripetuta, sfr sfdr e tanto vocaboli che ho imparato grazie a voi. Ho 50 anni sto diventando un mostro della mtb GRAZIE .

  13. adoro la bicicletta, da corsa, ciclocross e mtb. ma soprattutto amo la montagna, a piedi o in bicicletta. e -pur vivendo in città- per vivere in pieno queste passioni mi preparo per 12 mesi all'anno, anche perchè ne l'una ne l'altra ammettono errori.  ogni suggerimento ogni idea che possano aiutare sono sempre benvenuti, poi semmai scelgo se e come seguirli. 

    • Esatto. Non vengo a prendere in giro il lavoro che fai ed il tempo che dedichi ad un sito perché magari per me é importante. Ognuno viva la propria passione come meglio creda. Ma sempre nel rispetto di quello che fanno gli altri.

  14. La mountain Bike è una passione te lo dice uno che non ha mai corso in bici ed ha scoperto questa pratica meravigliosa 5 anni fa e mi ritrovo ora a fare ca 7/8 gare all'anno e a guardare con attenzione gli articoli che vengono immessi sul sito. Per praticare la MTB devi fare degli enormi sacrifici per raggiungere degli obiettivi che giustamente ti poni anche con i compagni. Il resto, come ha detto Michele, sono pratiche/gite cicloturistiche

  15. ciao a tutti

    io non sto nè con te nè con Giuliano. Ognuno pratica la MTB con lo spirito che più gli si addice nel rispetto delle opinioni altrui. Ci sono classificazioni da fare (cicloturismo, mountain bike e tutto il resto….) modi di affrontare lo stesso percorso con spirito diverso e percorsi diversi con lo stesso spirito ma c'è una sola cosa che ci appassiona e ci unisce, la MBT, quindi prendiamo ciò che di positivo abbiamo da questo sport e valoriziamo quello che ci accomuna e non quello che ci divide. Apprezzo il sito e quello che scrivete, per quello che suggerite e per come lo vivete. A me piace migliorarmi ma non mando a quel paese i cicloturisti che mi intralciano il track mentre mi alleno, anzi li saluto perchè so che ci accomuna una sola passione.

    Spero di aver espresso il mio pensiero in modo chiaro, comunque sia

    VIVA la MTB, comunque la intendiate e vivate

    • Roberto io la penso come te. Ho fatto delle splendide gite in bici. Però credo che ci voglia rispetto. Se a me non interessa quello che scrivi non vedo perché bisogna offendere. Ci sono tante ore di lavoro dietro a questo sito. Se ti piace sono contento di esserti stato utile. Se non ti piace, credo che non sia necessario che prendi in giro quello che facciamo. Tutto qua. Buone pedalate a tutti.

       

I commenti sono chiusi.