4 Regole d’oro per cambiare in modo corretto

4 Regole d’oro per cambiare in modo corretto

L'ultimo post con l'intervento del maestro nazionale di MTB Massimo Frizzera è stato particolarmente apprezzato, e ho quindi deciso di chiedere a Massimo di replicare dandoci qualche altro trucco utile, di quelli che si possono mettere in pratica subito, dalla nostra prossima scorazzata.

Ho pensato di chiedergli qualcosa relativamente all'utilizzo del cambio, un argomento che ho già trattato in parte nel mio ebook Domina Ogni Terreno Con la tua MTB, ma che merita di essere approfondito perché molti amici mi chiedono consigli su questo importante aspetto della guida.

Quanto spesso ci troviamo a smanettare sulle leve del cambio alla ricerca del rapporto più adatto al terreno su cui ci troviamo? E quante volte ci è scesa la catena perchè abbiamo cambiato in modo scorretto, oppure sentiamo la catena che gratta fastidiosamente sul deragliatore a causa di una scelta infelice tra corone anteriori e pignoni posteriori ?

Ho chiesto allora a Massimo se ci fosse qualche regola generale da seguire.

Ecco la sua risposta.

4 Regole d'oro per cambiare in modo corretto di Massimo Frizzera 

Tutti noi siamo capaci di cambiare, o pensiamo di saperlo fare, ma spesso ho visto e mi sono imbattuto in biker con guasti al cambio o nel peggiore dei casi a rotture della catena. Difficile in questi casi è ritornare a casa, o ultimare una gara!

Alla luce di questo, non dobbiamo mai costringere la catena a degli sforzi estremi

Per evitare tutto ciò ci sono alcuni accorgimenti da tenere presente: 

1 – Utilizzare la regola del meno 2 per non “allungare” troppo la catena in senso trasversale.

La "regola del meno 2" dice in sostanza che quando utilizzi la corona grande davanti non devi usare i due pignoni più grandi e per contro quando utilizzi la corona piccola davanti non devi mai usare i due pignoni più piccoli. Questo appunto per evitare di far lavorare la catena in modo non lineare, creando attriti a livello della stessa catena e dei denti di corone e pignoni.  

2 – Rimanere seduti quando si cambia per evitare ulteriori tensioni che gravitano sulla catena.

Il cambio di rapporto è un momento delicato in cui basta un movimento brusco o una tensione troppo elevata per creare problemi. Per questo è consigliabile cambiare da seduti, cioè quando l'azione di spinta è costante e non scattosa come quando si pedala in piedi sui pedali.

3 – Aumentiamo la velocità della pedalata prima di cambiare per scaricare ancora di più la catena.

Questo è un piccolo trucco molto valido soprattutto in salita quando la continua tensione della catena rende difficile l'operazione di cambio. Quindi prima di cambiare rapporto diamo qualche pedalata più intensa, aumentando sensibilmente la velocità, a quel punto possiamo scaricare la tensione della catena e cambiare agevolmente.

4 – Cambiare sempre prima di una discesa o di una salita, per essere più concentrati  nella tecnica e per non distogliere l’attenzione dal terreno.

E' fondamentale farsi trovare preparati, con il rapporto giusto ad ogni cambio di tipologia di terreno. Quindi cerchiamo di "leggere" per tempo le caratteristiche del percorso ed eviteremo per esempio di cominciare una salita ripida con un rapporto molto duro e inevitabilmente di "piantarci".

Massimo Frizzera – www.tridentumbike.it

Ancora una volta, leggendo queste regole, mi rendo conto che sono i piccoli dettagli che fanno la grande differenza in sella alle nostre bike. Questi consigli dettati dall'esperienza e non solo dalla teoria sono preziosissimi sia per chi va in MTB solo per divertimento, sia per chi vuole togliersi qualche soddisfazione, magari agonistica, in più.

Proprio sui temi legati alle tecniche di guida, assieme a Massimo Frizzera, stiamo realizzando un progetto di cui ti parlerò tra qualche giorno.

Che ne pensate di questi consigli ? Attendo come sempre i vostri preziosi commenti.

The following two tabs change content below.
Avatar

Davide - Mtb Passione

15 commenti su “4 Regole d’oro per cambiare in modo corretto”

  1. Ciao mi chiamo nicola grazie x i consigli ti vorrei porti una domanda e’ possibile trasformare una 26 a 27.5 grazie.

  2. A proposito di cambiare prima di una discesa è possibile saperne di più? Non mi sembra che finora se ne sia parlato. Inoltre a proposito del fuorisella “spinto” lo trovo abbastanza scomodo soprattutto quando si tratta di ritornare rapidamente alla posizione normale: forse bisogna abbassare la sella? Mi potete dare qualche suggerimento? Grazie e salutissimi
    Giampiero

  3. Ciao ragazzi!
    Su questo argomento stranamente mi sono scoperto piuttosto ferrato…a volte è utile anche avere semplicemente una conferma sulle tecniche utilizzate no? Ps: mi piacerebbe avere dritte sulla guida sul bagnato. ..lo stesso terreno dopo la pioggia si rivela completamente diverso

    Help!

  4. Buonasera,ho appena effetuato il pagamento per MTB perfomance drive 2013, non è uscita la finestra per scaricare il tutto,mi date informazioni in merito?Grazie…

  5. Continuate così …questi consigli aiutano molto e migliorano la guida e danno maggior padronanza della bici.Complimenti

  6. Ciao michele grazie dei sempre ben accettati consigli,vorrei proporti un prossimo argomento ormai inerente al nostro mondo ovvero varie differenze e consigli tra 26 e 29….ed eventualmente la prossima 27,5 grazie mille a presto….

  7. Continuate sempre così siete dei grandi i vostri consigli sono sempre utili per migliorare le proprie prestazioni. Mi permetto solo di fare una correzione sulla "regola del meno 2" : mai corona grande davanti e ultimi due pignoni grandi dietro e mai corona piccola avanti e ultimi due pignoni piccoli dietro. Scusatemi se mi sono permesso ciao

I commenti sono chiusi.