Luci mtb: miniguida alle uscite notturne

Parliamo di luci mtb; con l’arrivo dell’estate e del caldo diventa impossibile uscire in mtb durante il giorno.

I più fortunati usano la bici di prima mattina; chi invece deve accontentarsi della sera per una pedalata ha bisogno di attrezzarsi con luci per mtb per potersi godere un minimo di fresco.

Ma cosa bisogna sapere su questi strumenti di illuminazione? Ecco la nostra mini-guida sulle luci per uscite notturne.

Partiamo dal dire che per le uscite notturne servono due tipi diversi di luci per mtb.

Le prime sono le luci notturne per mtb frontali. Queste servono principalmente a illuminare la strada e a permetterci di vedere in modo chiaro dove stiamo passano con le ruote. Le altre luci per bici che dobbiamo assolutamente ricordaci sono le luci posteriori mtb. Queste luci bici sono fondamentali per permetterci di essere visti da auto o altri ciclisti che arrivano alle nostre spalle.

Da cosa deve essere composto un buon impianto luci mtb?

A seconda dell’orario di uscita e quindi della visibilità abbiamo differenti composizioni attuabili.

Partiamo dal primo caso; uscita in prima serata con visibilità alta.

In questo caso serviranno solo due tipi di luci per bici. La prima è un faretto mtb da casco. Questa luce ci permette di direzionare il fascio sulla parte che stiamo realmente guardando; lasciandoci una visibilità migliore e focalizzata sul terreno che stiamo per afforntare.

Al posteriore invece serviranno delle luci led, possibilmente rosse.

Il secondo caso è un’uscita in tarda serata su percorso facile.

Anche in questo caso il kit sarà composto da due luci mtb. Le luci led mtb al posteriore rimangono invariate, all’anteriore invece sarà più idoneo installare il faretto bici sul manubrio. In questo modo la luce sarà più orizzontale e più vicina al terreno, permettendo di avere una buona illuminazione sul percorso e una buona profondità di visione.

L’ultimo caso è quello di un’uscita in tarda serata su percorsi complessi e molto tecnici.

Quando affrontiamo percorsi ad alto componente tecnico dobbiamo aspettarci sassi, radici e contropendenze.  Se a questo aggiungiamo la scarsa visibilità la situazione diventa davvero impegnativa.

In questo caso il consiglio è di dotarvi di due fanali anteriori e di luci led per mtb posteriori abbastanza potenti.

Per quanto riguarda le mtb luci anteriori; la collocazione migliore è un faretto più potente sul caso e un secondo faretto sul manubrio. Questo doppia luce permetterà di focalizzarsi con una luce sul percorso e sul dove stiamo realmente guardando; lasciando però una buona visibilità anche laterale e più in profondità grazie al faretto sul manubrio.

Come installare le luci mtb.

Se osserviamo l’anteriore avremo un faretto sul manubrio; questo deve illuminare da circa mezzo metro dopo la fine della ruota anteriore fino a almeno 3 metri più avanti.

La luce sul casco deve invece puntare la zona esatta che stiamo guardando. La luce deve essere completamente orizzontale quando indossiamo il casco in posizione eretta.

La luci led al posteriore andranno invece posizionate sul sellino reggisella o, in alternativa, su un tubo del carro alla nostra sinistra. In questo modo sarà sulla parte più rivolta verso il centro della strada.

Nella foto sottostante una luce da casco con attaco apposito per un maggiorie confort.

 

Come scegliere le luci mtb.

La prima cosa da ricordare è che i fanali a led anteriori non sono una buona scelta. Le luci a led sono studiate per essere visti ma non per permettere una buona visibilità a noi. In caso di buio non saranno affatto utili. Al contrario questa tecnologia a luci led bici è utilissima al posteriore; infatti permette di essere ben individuati anche da distante.

I fari anteriori devono avere almeno 1000 lumen per poterli classificare come sufficientemente potenti. Esistono luci mtb 8000 lumen se si cerca il massimo della visibilità e della luce.

Per quanto riguarda il posteriore bastano dei led mtb luci ricaricabili con pile o con ttacchi usb come le più moderne.

All’anteriore invece è preferibile avere fari con batterie esterne al litio. Sviluppando molta energia e richiedendo quindi molta elettricità servirà un prodotto affidabile; che permetta uscite da 3-4 ore senza cali di potenza.

Un ultimo consignio per le vostre uscite notturne; oltre ad un buon kit luci è sempre meglio avere con se un dispositivo gps che permetta la nostra localizzazione e, se possibile, uscire in compagnia per essere più al sicuro e facilmente soccorribili i caso di necessità o se le vostre bettarie delle luci dovessero finire.

Per maggiori info e prezzi di questi strumenti potete visitare siti come il produttore italiano BNR o Amazon.

www.brn.it/fanali-brn-professional/

www.amazon.it/luci-mtb/s?ie=UTF8&page=1&rh=i%3Aaps%2Ck%3Aluci%20mtb

In altrenativa trovate altre info sul sito:

www.mtb-mag.com/tempo-di-notturne/

The following two tabs change content below.

Edoardo Zella

Classe 1994 è l’elemento “extreme” dello staff. Tra gli studi di economia e il lavoro passa gran parte del suo tempo tra bike park, pump track e campi dirt-slopestyle. Oltre agli allenamenti e alle gare fa spesso da istruttore downhill e guida bike park. Espertissimo nel campo delle novità e di tutto il settore mtb. Per gli amici è IL MANETTA.