Kronplatz King MTB Marathon: via alla seconda edizione

Torna il Kronplatz e la seconda edizione offrirà alcune importanti novità e tanti campioni alla partenza.

Domenica 23 luglio ritorna la Kronplatz King, la competizione di mountainbike che avrà l’inconsueto arrivo al culmine del comprensorio sciistico di Plan de Corones a quota 2275 m.

La partenza è confermata dal centro di San Vigilio di Marebbe, sfalsata di pochi minuti per dividere i ciclisti che affronteranno due diversi percorsi, rispettivamente di 81 e 50 km, con un allungamento rispetto alla prima edizione di 8 km per pedalare attraverso il coreografico tratto del Parco Naturale di Fanes-Braies, in direzione della località di Pederù, uno dei più pittoreschi dell’Alto Adige.

Successivamente il percorso si alternerà in tratti di collegamento verso tutti i quattro percorsi mappati del freeride che Plan de Corones offre per tutta l’estate, arrivando fino alla cima del comprensorio sciistico posto a 2275 m attraverso la ripidissima salita al 26% che i ciclisti del Giro d’Italia percorsero in passato.

Soltanto per i partecipanti al percorso lungo ci si ritufferà in discesa nel Furcia Trail dove avranno la possibilità di scegliere fra due tratti: quello più corto di circa 600 m. molto tecnico con difficoltà non adatte a tutti e salti difficili, oppure quello più guidato che si affronterà a velocità superiore, ma di lunghezza doppia rispetto al primo.

Entrambi i percorsi sono ben segnalati affinché i concorrenti possano provarlo prima della gara per fare la scelta giusta in massima sicurezza.

Il percorso si svolge in aree naturali, ma anche su tracciati allestiti artificialmente per dare il massimo del piacere nella guida freeride, per questi motivi non è adatto ad un numero troppo alto di partecipanti, così si è reso necessario limitare il numero dei partecipanti ad un massimo di 600.

Necessarie anche due diverse partenze, a distanza di 15’, che avranno il compito di allungare i ciclisti sul percorso per renderlo quanto più fruibile ad ognuno, per una esperienza unica.

L’organizzazione ha tenuto nella massima considerazione anche gli accompagnatori e le famiglie offrendo ad ogni ciclista due tessere gratuite degli impianti di risalita per tutta la giornata della competizione per dare la possibilità di assistere ai passaggi in quota e agli arrivi, nonché di partecipare alle premiazioni e al pasta party che sarà offerto in vero ristorante in zona arrivo, con la possibilità di scegliere da un vero menù.

In cima sarà allestita un’area gioco per i più piccoli e si potrà anche visitare il Messner Mountain Museum, a pochi passi dall’arrivo.

Kronplatz una gara per grandi ospiti

La competizione sarà quanto mai interessante grazie ai migliori ciclisti italiani che hanno confermato la loro partecipazione. Entrambi i vincitori del 2016 saranno alla partenza: L’ex campione mondiale Roel Paulissen ed Elena Gaddoni, terza classificata al recente campionato italiano marathon.

I favoriti saranno i freschi campioni italiani marathon, Maria Cristina Nisi e Juri Ragnoli.

Proprio quest’ultimo in uno splendido stato di forma e in grande sintonia con le Dolomiti, dove si è sposato pochi giorni fa, e dove quest’anno ha vinto Hero Sudtirol e Dolomiti Superbike: per lui sarebbe una tripletta straordinaria per il suo già ricco palmares e un record col quale i campioni della mtb si confronteranno negli anni futuri.

Le previsioni atmosferiche previste sono buone, in particolare per la giornata di domenica, che offrirà la miglior scenografia dell’area dolomitica.

Tutti i dettagli cliccando nel seguente link INFO DELLA GARA QUI

The following two tabs change content below.

Sauro Scagliarini

Sauro Scagliarini ha vissuto la sua vita nello sport, da atleta a manager, da opinionista a manager, ma sempre con il fuoco della passione di chi interpreta lo sport nel piacere di esserne parte attiva. E' stato fra i primi a scoprire il triathlon e a portarlo in Italia fino a farlo diventare una Federazione. Ha inventato il primo circuito di eventi Granfondo su strada. Ora è fra i protagonisti del bikepacking e del gravel. Magari è solo fortuna..